il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


ANNICCO

In pensione lo storico benzinaio

Chiude a fine anno il distributore Tamoil

In pensione lo storico benzinaio

ANNICCO — Prima la storica macelleria, ora è il benzinaio che se ne va. Nel mezzo, altre attività — due bar — che passano da una gestione cremonese in mano a famiglie cinesi. Ma se quest’ultimo aspetto può rientrare in una logica del turn over, figlia di una globalizzazione del mercato del lavoro e delle imprese, la chiusura a fine anno del chiosco Tamoil di piazza Garibaldi, pur nell’aria da tempo, spiace a molti annicchesi. Luigi Pezzoli, dopo 35 anni di lavoro, va ufficialmente in pensione e la lettera mandata dai vertici della società parla chiaro: in un’ottica di riorganizzazione della struttura distributiva del carburante, l’impianto di Annicco non è più strategico. E quindi verrà dismesso. Da gennaio le pompe potrebbero già essere tolte, mentre andrà concordato col Comune l’aspetto della bonifica, ovvero il futuro dei serbatoi interrati, dove vengono stivati benzina e gasolio. Il sindaco, già informato della questione, non ha perso tempo. «Mi sono già attivato — spiega Maurizio Fornasari — per vedere se una società è interessata ad aprire ex novo un impianto ad Annicco. Certo non in piazza, dove le nuove normative in tema di sicurezza non lo contemplano più». Nel Pgt è infatti prevista un’area per l’attivazione di un distributore: è una zona situata poco dopo l’Annicchetta, lungo la provinciale 47 che collega il paese a Farfengo e alla Paullese. Lo spazio consentirebbe di realizzare un chiosco con tanto di punto caffè e persino autolavaggio. Solo che si parla di un investimento non inferiore al milione di euro. Il futuro, quindi, dipende dalla appetibilità della zona e dai potenziali clienti.

02 Dicembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000