il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Al Comune di Cremona 194 mila euro recuperati grazie alla lotta all’evasione fiscale

Contributo riconosciuto al Comune dal ministero dell’Interno

Al Comune di Cremona 194 mila euro recuperati grazie alla lotta all’evasione fiscale

Cremona vista dall'alto

CREMONA - Disponendo ad ottobre l’erogazione del contributo relativo al 2013, il ministero degli Interni ha riconosciuto al Comune 194mila euro: sono i soldi recuperati grazie alla lotta all’evasione fiscale, dovuta per la partecipazione al contrasto sulla base di quanto comunicato dal ministero dell’Economia e delle Finanze. E tra i capoluoghi di provincia della Lombardia, Cremona è nella parte più alta della classifica, subito dopo Milano a cui andranno oltre 1 milione e 600mila euro. Di fatto, a Cremona arriverà il cento per cento delle maggiori somme definitivamente riscosse dallo Stato per tributi erariali derivanti da accertamenti fiscali e il successo si deve alla collaborazione informatica tra il settore Gestione Entrate dell’ente e l’Agenzia delle Entrate, fianco a fianco nello scambio di informazioni necessarie all’accertamento seguendo le linee guida del protocollo d’intesa firmato nel novembre 2009: un patto anti evasione che ha reso più efficace il sistema.

Basti pensare che, a livello locale, sono state fornite all’Agenzia delle Entrate 129 segnalazioni qualificate, vale a dire idonee a contestare l’evasione soprattutto in materia di patrimonio immobiliare e di affitti in nero. Utilizzando specifici programmi di analisi dei dati, sono state avviate apposite procedure di verifica ed accertamento dei tributi statali e dei tributi comunali così da stabilire una dettagliata serie di elementi per evidenziare comportamenti di evasione ed elusione. «Promuovere azioni di contrasto al fenomeno della evasione ed elusione fiscale, e azioni per diffondere la cultura della legalità — sottolinea l’assessore alle Risorse, all’Innovazione e alla Digitalizzazione Maurizio Manzi — è uno dei punti delle linee programmatiche di mandato della giunta e quindi terremo alta l’attenzione con tenacia.

Il risultato raggiunto rappresenta un esempio di un lavoro di team che, partendo da un livello informativo di base, attraverso successive aggregazioni, capillari confronti e analisi di dati, ha consentito di individuare comportamenti di cittadini che sono penalizzanti per tutta la comunità. Il riconoscimento del lavoro svolto costituisce uno sprone per continuare con maggiore intensità sulla strada intrapresa. Un percorso che dovrà riconoscere a tutti i cittadini, oltre al dovere di contribuire alla gestione della cosa pubblica con equità, anche il diritto che il contributo di ognuno rappresenti uno dei contributi riconosciuti da tutti i cittadini».

31 Ottobre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000