il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Chiuso il 'Caffè Impero'

Un altro locale del centro con le serrande abbassate

Chiuso il 'Caffè Impero'

L'ex gestore Renzo Mainetti

CREMONA - Era un punto di riferimento per i giovani e non solo: aperitivi di gran classe, birre, panini, ma anche partite in tv e slot machine (solo per maggiorenni).

D’estate tavolini e sedie, e musica in sinergia con altri locali di piazza della Pace, e d’inverno la calda accoglienza del titolare, Renzo Mainetti , e dei suoi familiari, prima di tutti la mamma. Ma da domenica 26 ottobre il Caffè Impero, in attività del 2003, è chiuso. Sbirciando dalle vetrate si vede che ormai non vi è quasi più nulla, resta solo il bancone che a breve verrà smantellato. In questo caso, però, non è soltanto una questione di crisi o di costi, che sta toccando i locali pubblici (recentemente ha chiuso i battenti anche il Negresco, storico locale all’angolo tra via Gramsci e via Capitano del Popolo): è terminato il contratto d’affitto con il proprietario dei muri, in questo caso la società che gestisce l’hotel Impero ed il Continental.

Tra l’altro una recente legge regionale impone ai bar che sono parte di un hotel, anche se aperti al pubblico, di non avere le slot. Che invece sono, al di là del soggettivo aspetto morale, una fonte di reddito per chi le mette. L’Impero, quindi, non può perdere una stella a causa delle slot, ecco perché si è arrivati alla conclusione del contratto. Ed anche mercoledì, giorno di mercato, sono state molte le persone che hanno chiesto informazioni sul bar e sul gestore, che ha sempre partecipato alle iniziative di animazione della ‘movida’ e che è sempre stato all’avanguardia nell’attrezzare il locale, che in caso di partite di calcio nazionali ed internazionali si riempiva di appassionati.

29 Ottobre 2014

Commenti all'articolo

  • alessandro

    2014/11/03 - 13:01

    triste, tanto tanto triste constatare il danno che queste maledette slot recano. non solo causa di ludopatie e rovina di molte famiglie, ora anche causa di degrado sociale. incredibile che tutto ciò avvenga alla luce del sole senza che nessuno là sopra abbia pietà di poveri cristi che rovinano sè e la famiglia. Lo vogliamo capire che queste maledette slot sono una piaga sociale che va eradicata? a quando le scritte sulle slot e all ingresso dei locali che le ospitano "nuoce gravemente alla salute"? non è forse vero che alcune aziende ospedaliere hanno istituito ambulatori e/o servizi per curare le ludopatie con i soldi pubblici? siamo veramente dei c.....a permettere tutto questo. ora anche un bar che chiude per colpa delle infernali slot..pazzia, follia pura

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000