il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONCINO

Il vicario condanna il bullismo: insulti in oratorio, poi le scuse

Giovani ripresi sul giornale parrocchiale, un gruppo si sente chiamato in causa, accerchia il prete e lo bersaglia di insulti: un volontario chiama i carabinieri, ma quando arriva l'Arma è già tornata la calma

Il vicario condanna il bullismo: insulti in oratorio, poi le scuse

Don Fabrizio Ghisoni

SONCINO - Il dialogo vince sulla violenza: un gruppo di ragazzi entra in oratorio, insultando e minacciando il sacerdote che riesce a calmarli prima che arrivino i carabinieri. All’origine dell’aggressione ci sarebbe il fatto che il prete si è schierato pubblicamente contro il bullismo.Per tutti è il ‘don dei giovani’ e proprio per i ‘suoi giovani’ , don Fabrizio Ghisoni si è schierato contro il bullismo che colpisce alcuni dei ragazzi del paese, scrivendo un articolo sul giornalino della parrocchia, la Squilla. Quello che doveva essere un gesto di riflessione e apertura ha scatenato l’ira di alcuni ragazzi del paese, che si sono sentiti tirati in causa. Quello che per tutti è sembrato un articolo coraggioso che serve a condannare le ingiustizie e difendere i più deboli a un gruppo di ragazzi, pochi ma scalmanati, ha dato non poco fastidio. Insieme hanno raggiunto l’oratorio e hanno accerchiato il curato riempiendolo di insulti e bestemmie. Una volontaria, impaurita, ha chiamato i carabinieri ma al loro arrivo il don aveva già ripreso in mano la situazione. E’ stato il vicario a spiegare ai militari l’accaduto, perdonando i ragazzi e accettando le loro scuse. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

06 Marzo 2017

Commenti all'articolo

  • cristian

    2017/03/09 - 13:01

    "ORDINE, RISPETTO E DISCIPLINA", FANNO IL PARI CON "CREDERE , OBBEDIRE , COMBATTERE" !! (ANTICHI VALORI , DIMENTICATI CON L'AVVENTO DEL REGIME DEMOCRATICO) Sbaraini Cristian

    Rispondi

  • Giampaolo

    2017/03/08 - 18:06

    Ormai questo comune è preda del bullismo più esasperante. Dopo i linciaggi ai nonni vigili, al vigile che fà rispettare le regole, alle bambole gonfiabili, ( dedicate alla presidente della camera), bisogna ammettere che in questa comunità, regna sovrano ,il LEGHISMO più becero. Il razzismo è giunto ad una dimensione incontrollabile, la ritrosia e la fobia immotivata verso gli immigrati induce molti cittadini a discorsi xenofobi e degeneranti. Se questo è il risultato di queste situazioni, lo si deve alla giunta di DESTRA, che altro non fa che alimentare queste diaspore egoistiche menefreghistiche individualistiche irriguardose e sprezzanti.

    Rispondi

  • mario

    2017/03/07 - 11:11

    Un'azione rieducativa "forte" sarebbe auspicabile.....

    Rispondi