il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SUCCESSO PER 2-0 COL SAN MARINO

Cremonese champagne
alla prima di Dionigi

Françoise firma un assist e un gol

Cremonese champagne
alla prima di Dionigi
NELLA SEZIONE "SPORT" GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA CREMONESE E DI TUTTE LE ALTRE PARTITE DI LEGA PRO
CREMONA - E' partito sotto il segno di Emmanuel Françoise il nuovo corso della Cremonese targata Dionigi: il mister reggiano, al suo debutto sulla panchina grigiorossa, ha rispolverato dal dimenticatoio l'attaccante francese, che si è preso il ruolo di protagonista del match con un gol e un assist. C'è davvero molto del (pur poco appariscente) mancino di Metz nel 2-0 con cui la Cremo ha liquidato il fanalino di coda San Marino di fronte ad uno Zini che ha preteso e incassato (con applausi generosi) importanti segnali di riscatto dopo l'addio alle speranze di promozione diretta.
Dionigi nell'undici iniziale mischia Barbera e Champagne, perché oltre al frizzante Françoise ripesca dalla cantina anche un Loviso vivace ma non troppo. La partenza non è delle più incoraggianti, ma la Cremo sale di tono col trascorrere dei minuti. E' Della Rocca a sbloccare il risultato al 34', riscattando il peccato di egosimo commesso poco prima (tiraccio fuori al posto di un facile assist) e raccogliendo la palla altruista del francesino per un facile tocco in fondo al sacco. Prima del finale di frazione c'è tempo per un rigore negato ai danni di Palermo, che si becca anche un giallo ingeneroso dal più che zelante arbitro Capilungo, che dimostra già in questa circostanza di essere un tipo permaloso. Farà ben di peggio.
Nella ripresa i grigiorossi si portano sul 2-0 dopo 10': Françoise da suggeritore diventa finalizzatore infilando in rete con un bel rasoterra l'intuizione di Palermo. La partita finisce virtualmente qui. Le squadre si sfilacciano, l'atmosfera che si respira è quella da gita di fine scuola, con la Cremo che punzecchia la difesa avversaria senza infierire e il San Marino sempre più intimidito e arrendevole. Ad innescare la scintilla (in assenza del 'Benzinero' Bargas invano invocato dal pubblico) provvede il fischietto leccese che espelle in un amen tre giocatori della squadra ospite: Fogacci se la prende coi suoi colleghi di reparto e si vede sventolare incredibilmente il cartellino rosso sotto il naso; Farina e Sensi protestano e, nell'incredulità generale, vengono espulsi a loro volta. Dopo la sbornia di Champagne, anche un conto davvero troppo salato da pagare per i sanmarinesi.

17 Marzo 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000