il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CALCIOSCOMMESSE

Gegic in campo in Svizzera: Salvini rimette il divieto di espatrio

Il giocatore serbo era stato sorpreso a giocare nel Rancate nonostante la misura lo tenesse inchiodato a Cremona

Gegic in campo in Svizzera: Salvini rimette il divieto di espatrio

Almir Gegic

CREMONA - Sperava di continuare a giocare nella squadra elvetica del Rancate Calcio, società con la quale aveva stipulato un accordo (24mila franchi per la stagione 2013-2014, tremila franchi al mese a titolo di rimborsi) e di fare avanti e indietro dalla Serbia, dove vivono la moglie e le figlie. Ma quando si è scoperto che per tre volte (l’8 settembre, il 5 e il 26 ottobre) Almir Gegic, il giocatore serbo indagato nell’ambito dell’inchiesta sul calcio scommesse, si era presentato in Svizzera, violando il divieto di espatrio, non solo la società di calcio gli ha chiuso le porte. Soprattutto, il gip Guido Salvini ha ripristinato al presunto sia il divieto di espatrio sia l’obbligo di presentarsi in questura per la firma tre volte alla settimana. Il procuratore Roberto di Martino aveva chiesto per il serbo gli arresti domiciliari. Dunque il presunto capo del gruppo discommettitori degli «zingari» resta di nuovo ‘inchiodato’ a Cremona e all’Italia.

«La difesa sta valutando se ricorrere contro la misura», ha detto l’avvocato Ugo Carminati, che alle dieci di ieri ha accompagnato il serbo in questura. Nelle dieci pagine di ordinanza, il gip Salvini rileva che, nei giorni successivi alla revoca del divieto di espatrio, «alcuni organi di informazione ed agenzie soprattutto elvetiche hanno segnalato la presenza di Gegic in Svizzera già nel settembre-ottobre 2013, ed in particolare presso la squadra e il campo di calcio del Rancate, in violazione quindi del divieto di espatrio all’epoca ancora in corso».

Segnalazioni confermate dagli accertamenti degli agenti della squadra mobile. «Infatti — annota il gip Salvini — sulla base dell’acquisizione dei tabellini di alcune partite tratti dalla pagina ufficiale della Federazione Ticinese di Calcio e di un video girato il 5 ottobre a Mendrisio durante la partita Losone-Rancate è emerso che Gegic è stato sicuramente in campo durante questa partita ed infatti è ben visibile nelle riprese video». In relazione agli altri due match, «la sua presenza è altrettanto certa in quanto nella partita giocata il 26 ottobre Rancate-Vedeggio egli risulta in formazione e sostituito da un altro giocatore durante il secondo tempo, mentre nella partita Rancate-Malcantone giocata l’8 settembre egli risulta come giocatore di riserva e quindi certamente presente sul campo». Presenze «non occasionali», rileva il gip, «in quanto egli era in campo in occasione di tre partite ed inoltre il suo reingresso sul campo di gara ha comportato certamente la sua presenza in Svizzera in momenti precedenti sia per accordarsi con gli organi Direttivi della società Rancate sia per allenamenti e prese di contatto con la formazione calcistica che ha deciso di reimpiegarlo. Non può del resto escludersi che l’acquisizione dei tabulati del telefono cellulare uso in questo periodo a Gegic, acquisizione richiesta dalla Squadra Mobile alla Procura della Repubblica, risultino altre ed anche più significative violazioni» .

Arrestato nel novembre dello scorso anno all’aeroporto di Malpensa, dove si era consegnato agli agenti della squadra mobile dopo oltre un anno di latitanza, il 28 ottobre scorso Gegic aveva ottenuto la revoca del divieto di espatrio grazie all’accordo stipulato con il Rancate Calcio ed anche perché aveva fatto «ulteriori parziali ammissioni» negli ultimi interrogatori. Inoltre, come rileva il gip nell’ordinanza, le misure di controllo sarebbero comunque scadute dopo poco. Poi, quando si è saputo dei tre viaggi in Svizzera (a cui non aveva fatto cenno negli interrogatori), è intervenuta la decisione del gip di negare di nuovo a Gegic l’espatrio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

15 Novembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000