il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASKET

Vanoli, sconfitta che non fa male

Milano vince al PalaRadi 81 a 68

Vanoli, sconfitta che non fa male

CREMONA - La Vanoli non ha vinto, com’era facile prevedere, ma è stata comunque una grande festa di sport ieri sera al PalaRadi, ospite dei biancoblù la capolista del campionato EA7 Milano nella gara valida per il recupero del 12° turno di ritorno.

 

Partita, va detto, non bellissima, con la formazione più forte (e la più seria candidata, anche se ci sarà da lottare, a vincere lo scudetto dopo anni di egemonia della Montepaschi Siena) quasi a rifiatare in vista dei playoff, e quella meno forte a crogiolarsi sull’acquisita salvezza.
La differenza di caratura tecnica, del resto, è davvero notevole e si è vista chiaramente sul parquet, con Milano che ha potuto usufruire del minimo sindacale contro una Vanoli che ha cercato comunque di non subire passivi troppo elevati. Siamo, e non si può dimenticare, in una fase della stagione dove solo le forti motivazioni consentono di stravolgere eventuali gap; non era certo il caso di ieri sera e lo ha dimostrato anche il fatto che il palasport non era pienissimo, colpa anche del turno infrasettimanale.
Giusto così, niente da dire, con Cremona che ha potuto salutare con grande entusiasmo uno dei suoi più grandi ex quale è Keith Langford, giocatore che quando nel 2006-2007 arrivò alla Vanoli era al primo anno lontano dagli Stati Uniti e che ora è diventato uno dei migliori a livello europeo. All’applauso va accomunato l’altro grande ex Flavio Portaluppi, oggi direttore generale dell’Olimpia, mentre per Milano (alla diciottesima vittoria consecutiva) era assente l’allenatore Luca Banchi costretto a letto da un serio problema alla schiena per il quale potrebbe essere necessario (verrà valutato nelle prossime ore) anche un intervento chirurgico. Al posto di Banchi, a guidare Milano dalla panchina il vice Massimo Cancellieri.
Della gara di per sè c’è davvero poco da dire, con Milano che ha preso immediatamente in mano le redini del gioco, mantenendo costantemente un vantaggio tra i 9 e i 13 punti. L’unico sussulto si è vissuto nel finale del terzo parziale, quando la Vanoli si è riavvicinata sino al -4 (48-52), ma alla tripla di Jarrius Jackson ha risposto a fil di sirena proprio Langford. L’ultimo quarto ha visto ristabilito il divario con Cremona che comunque non ha subito imbarcate.

 

08 Maggio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000