il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SPORT

I Galli, una famiglia tra basket e calcio

Il papà Attilio ex cestista, il figlio Riccardo portiere della Cremonese e il fratello Alessandro gioca a pallacanestro nell'Under 15 della Vanoli

I Galli, una famiglia tra basket e calcio

Papà Attilio Galli tra i figli Alessandro e Riccardo

CREMONA - Una famiglia tra calcio e pallacanestro, ovvero la famiglia Galli. Abbiamo incontrato, tra le mura della loro casa, papà Attilio (ex cestista che ha giocato anche nel Corona in serie B) e i suoi due figli: Riccardo, il più grande, è portiere della Cremonese; il fratello più piccolo, Alessandro, ha 13 anni e gioca a basket nella Under 15 della Vanoli.

Lo sport, come traspare dalle loro parole, lo hanno respirato da subito. Riccardo ha raccontato di giocare "a basket soltanto nei campetti d'estate, tre contro tre. Ho capito subito che la mia strada era quella del calcio. Ho mosso i miei primi passi nella Sported e ora sogno di vincere il campionato da cremonese nella Cremonese'. Anche Alessandro - che a breve dovrà affrontare lo spareggio per la seconda fase del campionato contro Piadena - ha capito presto quale fosse la sua strada: "Vado spesso a vedere Riccardo, mi piace il calcio, ma anch'io, dopo aver iniziato nella Sported, ho capito subito di essere un difensore troppo scarso e quindi ho iniziato a coltivare la stessa passione del papà". Papà Attilio che segue entrambi i figli nelle loro passioni: "Riesco a dividermi la domenica andando a vedere la mattina la pallacanestro e al pomeriggio la Cremonese. Non mi voglio intormettere nelle loro carriere, ma in questo caso posso solo dare consigli ad Alessandro che pratica uno sport che conosco bene. In famiglia ci prendiamo spesso in giro, ma senza andare sopra le righe'.

Una curiosità. La famiglia Galli ha origini spagnole e sudamericane. La bisnonna di Lorenzo e Alessandro era originaria della penisola iberica e si è trasferita in Argentina, mentre la nonna è nata proprio in Sud America, come Attilio, che all'età di cinque anni è tornato in Italia.

L'intervista completa di Fabrizio Barbieri sul giornale di mercoledì 26 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

24 Febbraio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000