il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASKET - LA VANOLI VINCE 98-91

Cantù non è più tabù

Match pazzesco: avanti di 24, Cremona rischia grosso prima di mettere il risultato al sicuro

Cantù non è più tabù

CREMONA - Cantù non fa più rima con tabù: la Vanoli sconfigge la capolista - sin qui sempre vittoriosa al PalaRadi - e colleziona un altro scalpo illustre dopo quello di Sassari. Quella offerta dai ragazzi di Gresta è una prestazione pazzesca: sempre avanti, nonostante qualche sbandamento da brividi, i biancoblù chiudono sul 98-91. Dopo essere stata in vantaggio addirittura di 24 punti, Cremona si trova sul +2 a 5' dalla fine, ma la prova corale nella fase decisiva è al contempo saggia e coraggiosa. Sugli scudi Jackson, top scorer della Vanoli con 25 punti. 

La partenza è equilibrata, ma la Vanoli dimostra subito di essere in palla con percentuali elevatissime dal campo. Il primo quarto termina 33-24, con 11 punti di Jackson. Cremona si scatena nella seconda frazione: con entrambi gli attacchi ispirati, è la fase difensiva dei padroni di casa a fare la differenza. Di fronte all'ennesima tripla della squadra cremonese coach Sacripanti  - prima di chiamare il time out - alza incredulo le braccia. E sembra dire: "Ma questi non sbagliano proprio mai?". Alla fine del primo tempo la Vanoli ne ha già segnati 64 (contro i 45 dei canturini), vale a dire più di quelli raggranellati nell'arco dell'intero (orrendo) match disputato a Pistoia sette giorni fa. La reazione dei brianzoli nel terzo quarto è veemente, ma Rich & co. rispondono con efficacia al parziale di 8-0 degli ospiti. Un cedimento nel finale di frazione permette a Cantù di riavvicinarsi. L'ultimo quarto inizia sull'82-71 e per 5' buoni in campo sembra esserci soltanto la squadra di Sacripanti: la Vanoli non riesce più a segnare e si incaponisce in sterili uno contro uno. E' proprio quando ricominciano a giocare di squadra che i ragazzi di Gresta dimostrano di avere il carattere giusto per conquistare il successo: uno Spralja in formato mvp aggiunge energia e punti alle giocate di Jakcson e Rich. Ma è tutto il collettivo a meritare gli applausi scroscianti del PalaRadi. Nei secondi cruciali Cantù perde la testa e lascia campo libero alla Vanoli. 

Detto di super-Jackson, vanno sottolineati i 19 punti di un Rich meno solista del solito e i 15 di uno Spralja guerriero e finalizzatore. Dopo l'opaco debutto di una settimana fa, anche il neo acquisto Tripkovic dimostra di avere ottime qualità su entrambi i lati del campo. Kelly alterna cose buone ad errori ingenui, ma il suo contributo si rivela assolutamente essenziale. Preziosi Ndoja e Woodside, a cui non mancano cuore e fosforo. La vittoria non può che gasare l'ambiente: i quattro punti in classifica sono carichi di significato perché ottenuti contro due big. Ora si attende una Vanoli cattiva e affamata anche in trasferta.

I TABELLINI
Vanoli Cremona-Pallacanestro Cantù: 98-91 (33-24, 64-45, 82-71). 
Vanoli Cremona: Conti ne, Marchetti ne, Woodside 7, Tripkovic 11, Jackson 25, Spralja 15, Ariazzi ne, Kalve 7, Basola ne, Kelly 8, Rich 19, Ndoja 6. All. Gresta.
Pall. Cantù: Abass 2, Jones 2, Uter 15, Rullo 3, Leunen 5, Jenkins 26, Ragland 8, Aradori 14, Cusin 6, Gentile 10. All. Sacripanti. Arbitri: Martolini, Filippini e Terreni. 
Note - Tiri liberi: Cremona 20/23, Cantù 8/8; tiri da tre: Cremona 12/26, Cantù 13/32. Uscito per 5 falli: Aradori. Fallo tecnico a Cusin (25'), fallo antisportivo a Aradori (40'). Spettatori: 3.400.

17 Novembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000