il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


LEGABASKET

Vanoli, figuraccia a Pistoia

Sconfitta per 65-60: prestazione da dimenticare

Vanoli, figuraccia a Pistoia

CREMONA - Dopo l'impresa contro Sassari, la Vanoli torna ad indossare i panni di Cenerentola e rimedia una figuraccia contro Pistoia, finora ultima in classifica a quota zero. Nella bolgia del PalaCarrara finisce 65-60: punteggio basso, che spiega da sé le percentuali non certo da top team dei cremonesi (anche se i toscani sono riusciti a fare addirittura peggio, con un 40% stiracchiato). La sconfitta della squadra di Gresta lascia spazio a tanti rimpianti, ma tutti da imputare a se stessa: la Vanoli ha trasformato la sagra dell'errore in quella dell'orrore. E ora è proprio Cremona ad occupare lo scomodo ruolo di fanalino di coda.

Nel primo quarto la Vanoli sembra in palla, soprattutto grazie ad un Rich con ambizioni da mvp. Kelly indispettisce sia in difesa che in fase offensiva ma, nel quadro di una prestazione complessivamente mediocre, i biancoblù chiudono avanti la frazione di 2 punti. Nei secondi dieci minuti i tiratori pistoiesi raddrizzano un poco la mira, mentre Cremona resta aggrappata unicamente a Rich, con i compagni di squadra che non riescono ad aggiungere sostanza alla classe dell'americano. Il 34-30 di metà gara non serve a dare slancio alla Vanoli, che rimane a galla a fatica prima di affondare in un finale di terzo quarto troppo brutto per essere vero. Si va all'ultimo parziale sul -10. Pistoia ci mette del suo per tenere in vita Cremona, ma ora neppure Rich pare più in grado di scartare i regali disseminati qua e là dai padroni di casa. Perché a 3' dalla sirena il jumper di JR e la tripla di Jackson portano la Vanoli in vantaggio di un punto (55-56). Ma l'illusione è effimera. Pistoia torna avanti in un amen. Poi si ricomincia a sbagliare tantissimo, da una parte e dell'altra. E alla Vanoli manca l'acuto del possibile aggancio. Che, probabilmente, sarebbe pure immeritato.

Rich viene un po' a mancare nei momenti cruciali, ma mette a referto 18 punti e tante ottime cose (visibili e invisibili). Kelly ritorna ad essere un oggetto oscuro: solo un canestro e una miriade di erroracci. Il neo-acquisto Tripkovic ha tutte le scusanti che spettano all'ultimo arrivato, ma non segna neanche una volta e appare abbastanza spaesato. Per il resto tante fragilità e qualche squillo qua e là. La lotta per la salvezza richiede una Vanoli necessariamente più solida, più volitiva. Più squadra.

09 Novembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000