il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BALDESIO-BISSOLATI

Baskin, sfida per il tricolore

Ieri la cerimonia d'apertura, oggi via alle gare

Baskin, sfida per il tricolore
CREMONA — «Dichiaro aperto il primo campionato italiano di baskin». Sono state le parole del presidente della Uisp di Cremona Goffredo Iacchetti a dare il via alla prestigiosa manifestazione cremonese. Una cerimonia d’apertura ben riuscita, seppure con abbondante ritardo rispetto alla tabella di marcia, nel cortile Federico II del palazzo comunale. A sfilare tutte le otto squadre che da oggi si daranno battaglia per poter conquistare lo scudetto del baskin. Ogni formazione è entrata nella piazzetta con il cartellone con il proprio nome impresso, nello stile delle olimpiadi. Non sono mancate le emozioni ma sono stati soprattutto i sorrisi a tenere viva la presentazione. Sul palco Beru, al secolo Stefano Priori, vestito da clown ha presentato con divertente verve. Ogni squadra è stata presentata con tanto di piccola descrizione del paese di origine. Dalle nostrane Sant’Ilario e San Michele al Noto Baskin dalla Sicilia, passando dall’Anffas Blu di Ferrara, dal Basket Groane di Lentate Como, dal Monte Emilius di Aosta, fino a Urbania e Lupo Pesaro. Non sono mancate le autorità a dare il benvenuto a tutti gli atleti di uno sportdal forte valore msociale che unisce normodotati a disabili. Anche un piccolo angolo musicale con il maestro Marcello Villa a dare un breve assaggio di violino. A parlare ad atleti e curiosi, la piazzetta era pienissima, anche il sindaco di Cremona Oreste Perri che ha fatto gli onori di casa. «Questo è un momento storico» ha detto il primo cittadino. «Per la prima volta si organizza un campionato di questo sport ed essendo la nostra città quella che ha ideato il baskin abbiamo una grossa responsabilità. Bisognerà avere pazienza, ma il mio sogno è quello di vedere prima un campionato europeo e poi il baskin ai giochi Olimpici». Sulla stessa frequenza d’onda il delegato allo sport Marcello Ventura: «onorato che questa manifestazione faccia parte di Cremona Città Europea dello sport». Due parole, emozionate, anche per i due rappresentanti cremonesi di questo sport, nonchè gli inventori Antonio Bodini e Fausto Cappellini. Ha chiuso il responsabile dello sport per le scuole cremonesi Giovanni Radi: «Questa è un’attività che noi appoggiamo e sponsorizziamo. L’obiettivo è quello di crescere ancora e fare conoscere questa disciplina a tutto il mondo». Ora spazio alle gare che da questa mattina alle 9.30 fino alle 17.30 si succederanno tra le strutture di Baldesio e Bissolati. Le squadre saranno divise in due gironi. Le prime domani si giocheranno la finali, alla Baldesio, alle 11. Le seconde classificate alle 9.30 si contenderanno il terzo posto.

08 Giugno 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000