il network

Sabato 17 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Erba Luigia, o Cedrina, o Lippia,...l'erba della Reggina

Erba Luigia, o Cedrina, o Lippia,...l'erba della Reggina

La Aloysia citriodora è una pianta arbustiva della famiglia delle Verbenacee. Il nome Erba Luigia le è stato dato in omaggio a Maria Luisa di Parma, moglie di Carlo IV di Spagna, vissuta tra il 1700 e il 1800. Da quel momento si dice, si sia iniziato ad utilizzare la pianta sotto forma di un profumo che è ancora ampiamente usato in miscele formulate anche oggigiorno, in marche famose, come Givenchy . L'epiteto specifico citrodora deriva dal latino e significa dal profumo di limone. È originaria dell'America del Sud: cresce allo stato selvatico in Perù, Cile e Argentina, da dove i Conquistadores la introdussero in Europa nel secolo XVII.
Nel folklore, l’erba cedrina è collegata con la purificazione e con l'amore, e si diceva che per attirare un corteggiatore, bastava cospargere il palmo della mano con qualche goccia di olio essenziale per sfregarlo poi leggermente sulla mano della persona amata. Questo contatto tra l’essenza e la pelle dell’amato/a costituiva un vero e proprio ‘incantesimo amoroso’.
L'Erba Luigia in effetti non è proprio un'erba, sia per il suo ciclo vitale (si tratta di una perenne) sia per la sua crescita: si tratta di un arbusto che può assumere anche l'aspetto di un discreto cespuglio, infatti può raggiungere l'altezza di tre metri nella sua crescita. E' una pianta arbustiva, perenne con fusto legnoso che può raggiungere i 2 metri di altezza (solo nei climi favorevoli).
Le foglie sono decidue, lanceolate, prive di picciolo, di colore verde chiaro molto profumate, che emanano un profumo simile a quello della melissa e della citronella; da esse si estrae un olio essenziale dall'intenso profumo di limone.
I fiori sono piccoli, bianco-violetti raccolti in pannocchie terminali. compaiono alla fine dell' estate
La propagazione avviene in luglio: si prelevano dai rami e dal fusto talee di circa otto centimetri, che si piantano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali. Le talee radicate si piantano nel maggio successivo. a specie può essere piantata in piena terra solo nelle regioni a clima mite, nelle altre regioni deve essere coltivata in contenitori che in autunno verranno trasportati all'interno, altrimenti disporre fogli di plastica intorno alle piante facendo in modo che non vengano a contatto con i rami. Necessita di esposizione soleggiata e riparata, preferibilmente contro un muro esposto a sud. Si coltiva in terra da giardino ben drenata e sabbiosa, predilige terreni umidi.
Durante la stagione estiva deve essera annaffiata frequentemente in modo che il terreno non sia mai asciutto, d'inverno deve essere appena umido. E' anche importante però tenere il terreno ben drenato perché i ristagni d'acqua provocano l'ingiallimento delle foglie. se gli apici delle foglie e dei germogli appassiscono significa che la pianta soffre la siccità. Concimazione: somministrare un fertilizzante completo in aprile - agosto. Non necessità di particolari potature, salvo eliminare le parti secche o danneggiate.
Uso in cucina
In cucina si usano le foglie con moderazione per dare sapore di limone alle vivande, ad esempio nei ripieni, per aromatizzare gelatine di carne, piatti di pesce, di pollo e altri volatili, per carni di maiale e selvaggina a cui toglie un poco l’asprezza, oppure tritate nelle insalate, macedonie, gelati e gelatine, marmellate, torte alla frutta o per preparare infusi o liquori d'erbe. Può essere usata per preparare delle tisane rilassanti, in quanto contiene melatonina, una sostanza usata come rilassante naturale che concilia il sonno.
Proprietà terapeutiche
Sotto il profilo delle proprietà si possono ascrivere alla Lippia quelle di stimolare l'appetito, aiutare la digestione, eliminare i gas intestinali ed esercitare una blanda azione antispasmodica e sedativa generale. Gli impacchi di Lippia/cedrina sugli occhi hanno un effetto rilassante e combattono gli occhi gonfi e arrossati. Le foglie fresche di Limoncina possono essere messe in infusione per un bagno ristoratore, o per acque toniche del viso. La si può utilizzare per sedare il dolore causato dal mal di denti occorrono le foglie fresche di cedrina, raccolte al momento. Lavare le foglie, asciugarle, pestarle in una tazza coprirle con acqua bollente e lasciarle in infusione per 5 minuti coperte con un panno. Trascorso il tempo strizzare leggermente le foglie, metterle in un panno di tela o garza sterile e fare applicazioni esterne nella zona interessata dal mal di denti.
Un uso intenso e prolungato di questo alberello perenne può però provocare gastriti. Essiccate, sono utilizzate nei pot-pourri e per la confezione di sacchetti antitarmici. Nell’industria viene estratto un delicato olio essenziale usato in profumeria per saponi, dentifrici e cosmetici. L'essiccazione avviene in luoghi bui ed areati, per la conservazione si consigliano sacchi di tela.
Uso esterno.
Esternamente, l'erba può essere usato per trattare l'acne, le bolle e le cisti. In aromaterapia è utilizzata nella fabbricazione di oli essenziali. L’olio essenziale di cedrina ha un effetto rilassante e antistress sulla mente, mentre contribuisce a stimolare l'appetito e attenua gli spasmi allo stomaco, i crampi, l’indigestione e la flatulenza.
Si ha un effetto positivo sul fegato, in particolare nei casi di abuso di alcol e di danni al fegato ad essi correlati; inoltre aiuta ad alleviare la congestione bronchiale.
E’ utile nel trattare l'insonnia nervosa e calma le palpitazioni cardiache da stress. Sulla pelle, aiuta a ridurre i gonfiori ed è utile anche come tonico dei capelli.
L'olio essenziale ha diverse proprietà: insetticida, battericida, antisettico, anti-spasmodico, afrodisiaco, digestiva, emolliente, febbrifugo, epatico, sedativo, stomachico e tonico. Attenzione si tratta di un olio fotosensibilizzante, quindi non utilizzare prima di uscire al sole. Può irritare la pelle sensibile. Un uso non commestibile che dovrebbe rendere erba cedrina popolare nei mesi estivi: la pianta respinge insetti come zanzare, mosche e altri insetti.

23 Agosto 2017