il network

Martedì 23 Aprile 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMONA. MERCOLEDI' 9 GENNAIO 2019

'See The Sound' e la musica sperimentale

Giornata ricca di eventi con seminario interdisciplinare, workshop e concerto

'See The Sound' e la musica sperimentale

dal 09/01/2019

al 09/01/2019

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/musica/cultura-e-spettacoli/212885/see-the-sound-e-la-musica-sperimentale.html 23/04/2019 10:39:29 23/04/2019 10:39:29 40 'See The Sound' e la musica sperimentale false DD/MM/YYYY

CREMONA - Il Dipartimento di Musicologia e Beni culturali dell’Università degli Studi di Pavia inaugura la ripresa delle attività didattiche del nuovo anno, mercoledì 9 gennaio 2019, con una giornata ricca di eventi. L’iniziativa è realizzata nell’ambito del corso della docente Ingrid Pustijanac.

Ad aprire i lavori, a partire dalle ore 9,30, in Aula Magna, un seminario interdisciplinare dal titolo La prassi esecutiva della musica sperimentale degli anni Sessanta e il ruolo degli audiovisivi. I docenti del Dipartimento Gianmario Borio, Alessandro Bratus, Marco Cosci e Ingrid Pustijanac, in un dialogo aperto con Paolo Fumagalli (viola), Lorenzo Gentili-Tedeschi (violino) e Giorgio Casati (violoncello), interpreti del mdi ensemble, affronteranno la questione del ruolo che nella trasmissione del repertorio degli anni Sessanta svolgono le fonti audiovisive.

Durante il seminario saranno presentati estratti del dvd See the Sound. Homage to Helmut Lachenmann. Il docufilm rappresenta uno dei progetti più significativi realizzati da mdi ensemble, che ne ha curato la direzione artistica e musicale con lo stesso compositore, il regista Luca Scarzella e il regista del suono Paolo Brandi.

Nel pomeriggio, a partire dalle 15, nella sala di San Vitale, i musicisti del mdi ensemble, con la collaborazione di Galimathías String Ensemble, il gruppo d’archi del Dipartimento, si dedicheranno allo studio e la concertazione di due partiture strumentali di rara e impegnativa esecuzione. La prima è Asar (1964) per dieci archi di Franco Donatoni, in cui il pubblico svolge un ruolo decisivo nell’interpretazione del brano, per continuare con la partitura per archi amplificati, Elohim (1965-67), di Giacinto Scelsi.

La sala di San Vitale ospiterà, alle 20,30, anche il concerto di chiusura. Il programma comprende oltre i due brani citati per archi, il capolavoro per violoncello solo Pression (1969, rev. 2010) e Trio per archi di Helmut Lachenmann, la famosa Sequenza I per flauto di Luciano Berio e First Born Unicorn, remind me what we're fighting (2001) per flauto di Giovanni Verrando. L’esecuzione è affidata al Galimathías String Ensemble e a mdi ensemble a cui si unirà, oltre ai già sopracitati musicisti, anche Sonia Formenti al flauto.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero.