il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Sabato 2 dicembre - A.D.A.F.A. - Cremona

Il ricordo di Giuseppe Caso passa per “La bicicléeta cun la ciùca”

Il ricordo di Giuseppe Caso passa per “La bicicléeta cun la ciùca”

dal 02/12/2017

al 02/12/2017

genere incontri

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/cultura/cultura/183759/il-ricordo-di-giuseppe-caso-passa-per-la-bicicleeta-cun-la-ciuca.html 15/11/2018 17:48:55 15/11/2018 17:48:55 40 Il ricordo di Giuseppe Caso passa per “La bicicléeta cun la ciùca” Via Palestro, 32, 26100 Cremona CR, Italia false DD/MM/YYYY

Sabato 2 dicembre alle ore 17.30 presso l’A.D.A.F.A (via Palestro 32 – Casa Sperlari) verrà ricordata, a un anno dalla scomparsa, la figura di Giuseppe Caso con la presentazione del suo libro di brevi prose e poesie in dialetto cremonese dal titolo: “La bicicléeta cun la ciùca”.

Giuseppe Caso, nato a Taranto nel 1931, approda a Cremona per motivi di lavoro e s’innamora di questa città, della sua gente, del suo dialetto, al punto da trascorrere all’ombra del Torrazzo il resto della sua vita.

Persona tanto garbata quanto determinata, Giuseppe Caso si distingue nel lavoro e diviene uno dei più apprezzati funzionari del Comune di Cremona ma non dimentica di spendersi in varie attività di volontariato e, appunto, nella scrittura di novelle e poesie in dialetto cremonese, alcune delle quali portate in scena dal gruppo “El Zàch”.

Scritti che vanno a pescare nei ricordi della giovinezza, nella nostalgia dei tempi, dei luoghi e delle persone perdute ma anche nell’attualità e nei suoi primi divertenti approcci con la Città di Cremona.

E c’è anche un riconoscimento ad Antonio de’ Curtis, in arte Totò, da lui tanto amato e ammirato (a tal proposito è imperdibile la versione in dialetto cremonese della celebre poesia “‘A livella” che diviene, giustamente, “Töti precìis, la Bùla”).

Il volume sarà presentato dal figlio Stefano Caso e da Giovanni Uggeri, mentre la lettura di alcuni testi sarà affidata alla voce del Prof. Ernesto Grassi del gruppo “El Zàch”.