il network

Domenica 19 Novembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Una sorta di elegante manifesto

Elogio dell'accoglienza - Arrigo Cipriani

Elogio dell'accoglienza - Arrigo Cipriani

genere letture

Autore: Arrigo Cipriani      Editore: Compagnia Editoriale Aliberti       Pagg.: 112       Prezzo: € 12,00

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/cultura/cultura/182357/elogio-dell-accoglienza-arrigo-cipriani.html 19/11/2017 19:08:42 19/11/2017 19:08:42 40 Elogio dell'accoglienza - Arrigo Cipriani Autore: Arrigo Cipriani      Editore: Compagnia Editoriale Aliberti       Pagg.: 112       Prezzo: € 12,00 false DD/MM/YYYY

Il manifesto di Arrigo Cipriani, patron dell'Harry's Bar di Venezia e ambasciatore dell'accoglienza italiana nel mondo. Perché il turismo è accoglienza: non sfruttamento del cliente, come troppo spesso facciamo in Italia.

«Per 60 anni l'attività principale del mio lavoro è stata la ristorazione. Un'attività essenzialmente di servizio. Tratterò l'argomento servizio legato al turismo inteso come offerta e non come fruizione di un terzo». L'accoglienza è un talento, una virtù, oltre che una cultura. Un talento che noi italiani storicamente possedevamo in misura maggiore rispetto a qualsiasi altro Paese del mondo, e che progressivamente abbiamo smarrito.

Non lo ha fatto Arrigo Cipriani, che resta fedele a poche fondamentali regole. La prima, quella di mettere al centro il cliente, che è anche turista e in ultima analisi ospite del nostro Paese, da curare e rispettare con professionalità e calore umano. «Cercherò di spiegare il turismo come servizio. Turismo come specchio della nostra conoscenza e della nostra cultura. Turismo come servizio nella libertà».

Arrigo Cipriani nasce a Verona nel 1932. Da oltre cinquant’anni dirige il celeberrimo Harry’s Bar. Ha pubblicato: Eloisa e il Bellini (Longanesi, 1986), Il mio Harry’s Bar (Sperling & Kupfer, 1991), Anch’io ti amo (Baldini Castoldi Dalai, 1996), La leggenda dell’Harry’s Bar (Sperling & Kupfer, 1997). Con Feltrinelli ha pubblicato Prigioniero di una stanza a Venezia (2009), Non vorrei far male a nessuno (2011) e Stupdt o l’arte di rialzarsi da terra (2014). Di sé dice di essere l'unico uomo al mondo che ha avuto il nome da un bar.