il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. SABATO 13 OTTOBRE 2018

'Un alieno per amico'

Il Gruppo Ufo Cremona presenta una serata sugli incredibili fatti iniziati nel 1956 e durati oltre 20 anni

'Un alieno per amico'

dal 13/10/2018

al 13/10/2018

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/cultura/cultura-e-spettacoli/206122/un-alieno-per-amico.html 18/11/2018 00:48:57 18/11/2018 00:48:57 40 'Un alieno per amico' false DD/MM/YYYY

CREMONA - Il Gruppo Ufo Cremona presenta una conferenza dal titolo 'Un alieno per amico' sabato 13 ottobre 2018 alle 21 presso la Croce Verde di via Mantova 8, a Cremona.

I relatori sono Gaspare De Lama, testimone del Caso Amicizia detto anche W56, Giuseppe Garofalo ricercatore e studioso, Alberto Negri presidente dell'associazione Spazio Tesla di Piacenza. Modera l'incontro Giampaolo Saccomano.

Tema della serata gli incredibili fatti - iniziati nel 1956 e durati oltre 20 anni - di alieni divenuti amici di un gruppo di terrestri, tra i quali anche una famiglia svizzera, diventati di recente oggetto di rinnovata attenzione. Il “Caso Amicizia” è senza dubbio uno dei più interessanti e importanti nella storia dell’ufologia moderna: una dozzina di persone visse un lungo rapporto di amicizia con una comunità di extraterrestri principalmente a Pescara dove si trovava a loro base.

Gli incontri durarono dal 1956 al 1978. Gli umani soprannominarono la comunità aliena 'W56', acronimo di 'viva il ‘56'. Il vero nome dei questi alieni – di aspetto umano, di varie altezze e provenienti da diverse galassie – è Akrij, in sanscrito 'i Saggi'. Questa storia o leggenda, a seconda dei punti di vista, è rimasta sconosciuta fino al 2007, quando venne pubblicato il libro 'Contattismi di Massa' di Stefano Breccia, uno degli appartenenti al gruppo.

Da allora si è assistito ad un crescendo di attenzione non solo tra gli studiosi ma anche tra il grande pubblico. Non si contano più interviste e conferenze (che a volte perdurano fino alle 2 del mattino tanto è l’interesse della gente) cui è chiamato in molte regioni d’Italia uno dei testimoni in vita, il 97enne Gaspare De Lama. I fatti da lui narrati stanno riportando in auge quel dibattito che un tempo si tenne in segreto solamente tra esperti. La diatriba non è solo sulla mancanza di prove inequivocabili che sono sempre il centro d’interesse da parte di chi cerca la verità provata e scientifica delle cose, ma anche sul lascito morale trasmesso al gruppo.