il network

Mercoledì 24 Maggio 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero


Recensione OverVolt: crazy slot cars versione mobile

Recensione OverVolt: crazy slot cars versione mobile
Simone Marcocchi

Simone Marcocchi

Biografia Atterrato su questo mondo, con in mano un joystick collegato ad un Commodore 64, Simone Marcocchi prova a leggere la vita attraverso la passione per i videogiochi, il cinema e le tecnologie. Attualmente si occupa di marketing IT e web, ha collaborato con la testata Eurogamer.it, si è occupato di tecnologia per la rivista V+ e collabora con Multiplayer.it LinkedIn: /simonemarcocchimedia Twitter: @SimoneMarcocchi

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Interactive Project ha deciso di eseguire un'operazione nostalgica molto potente, di noi trentenni, andando a sviscerare la nostra passione mai sopita per le auto elettriche che correvano sui circuiti; OverVolt: crazy slot cars ci eviterà la lunga operazione di montaggio delle piste.

 

A volte il vero segreto di una dinamica complessa è riposta propria nella sua semplicità. Il caso di OverVolt è perfetto per riassumere questo concetto. Basterà infatti avviare il titolo per essere subito in pista con una macchina, messa a disposizione dal gioco stesso, per poi dover premere il tasto che aumenta o diminuisce l'energia che viene erogata al nostro mezzo. Se pensate che la sfida sia semplice sbagliate alla grande. Esattamente come avviene per la controparte reale bisognerà infatti stare molto attenti alle curve, evitando infatti di esagerare con l'"acceleratore" affinchè queste non finiscano fuori fuori dal tracciato. Oltre infatti alla componente "tecnica" bisogna considerare che gli avversari saranno tosti, in alcuni casi anche troppo, per questo quindi dovremo fare un sapiente uso dei power up o dei mezzi a disposizione, più o meno adatta ad essere vincenti su ciascun percorso.

Dal punto di vista grafico la versione in cell shading è simpatica e funzionale, così come la riproduzione delle stanze virtuali in cui le piste sono state poste. In questo, se vogliamo, i programmatori avrebbero potuto sbizzarrirsi maggiormente, magari aggiungendo percorsi con possibili "deficit" (olio, acqua o ponti sospesi e sassi, come avveniva per le piste da rally della Polistil) così da rendere ancora più vario lo stile di gameplay.


CONSIDERAZIONI FINALI
Il gioco ci permette di fare esattamente ciò che promette, ovvero arzigogolati percorsi che si snodano in ogni direzione possibile. La versione gratuita ci permette di mettere mano alle prime dieci piste, per poi valutare se vogliamo continuare o meno a divertici sbloccando i due terzi rimanenti; è sicuramente un simpatico passatempo al quale manca una certa varietà (di possibili percorsi) ma può essere il perfetto compagno mentre attendiamo la metro o stiamo aspettando in coda in qualche ufficio.

Se volete provare a dargli un'occasione (gratuita oltretutto) cliccate qui per la versione Windows Mobile.

03 Luglio 2014