il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero


Dark Souls 3: Le Ceneri di Ariandel

Dark Souls 3: Le Ceneri di Ariandel
Simone Marcocchi

Simone Marcocchi

Biografia Atterrato su questo mondo, con in mano un joystick collegato ad un Commodore 64, Simone Marcocchi prova a leggere la vita attraverso la passione per i videogiochi, il cinema e le tecnologie. Attualmente si occupa di marketing IT e web, ha collaborato con la testata Eurogamer.it, si è occupato di tecnologia per la rivista V+ e collabora con Multiplayer.it LinkedIn: /simonemarcocchimedia Twitter: @SimoneMarcocchi

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Ashes of Ariandel è il primo dei due DLC che From Software porta alla luce per il suo Dark Souls 3. Scopriamo com'è e all'interno troverete anche il walkthrough completo. 

From Software ha qualche problema con la realizzazione dei DLC. Se l’unica pecca di Bloodborne, effettivamente, fosse solo quella di una pessima ottimizzazione di programmazione, con cali di frame rate pesantemente al di sotto del minimo sindacale, nel caso del secondo Dark Souls si era palesata una qualità davvero sottotono, ma qui, forse, si raggiunge l’apice.

Partiamo intanto dal modo di raggiungere questo nuovo mondo. L’accesso vi verrà offerta vicino al falò della “Cappella della Purificazione”. Accanto all’altare si trova un essere prostrato a terra che prima non c’era, avvicinandovi e parlando con lui vi porterà direttamente in un nuovo mondo (simile al dipinto del primo Dark Souls). Attenzione perché dovrete raggiungere il falò di cui sopra partendo dall’hub centrale, se già eravate lì o se accedete al luogo da falò precedenti, sappiate che non troverete nessuno.

Una volta raggiunto il luogo innevato inizierà il viaggio. Non c’è moltissimo da dire, che non sia pure gameplay o qualche spoiler, ad ogni modo il bestiario si arricchirà di qualche nuova creatura. Il livello di difficoltà è certamente orientato ad avere una curva più ripida rispetto ad altre zone di gioco e se, come me, lo doveste fare anche solo alla seconda run, rappresenta comunque una piccola sfida. I nemici infatti non sono difficilissimi ma il leitmotiv è comunque orientato all’attacco in massa delle creature che andrete ad incontrare, sia da parte degli umanoidi e sia dalle bestie e amenità varie con cui ingaggiare battaglia. Ci sono i lupi, guardie con diversi pattern d’attacco che si alternano allo sputare il fuoco o scagliarvi contro lance, guardiani giganti, insetti troppo cresciuti ecc. Dovrete certamente stare attenti a dove metterete i piedi, in quanto basterà poco perché il pavimento sotto di voi possa crollare e ritrovarvi a precipitare appena sotto (tranquilli in quasi tutti i casi, quasi, è anche l’unico modo di proseguire).



Incontrerete anche due boss, di cui uno solo, l’ultimo, è obbligatorio, mentre il primo vi permetterà di accedere ad un’area da sfruttare in pieno per il PVP con una sfida corretta che non preveda invasioni e una giusta quantità di fiaschette, anche se data la natura stessa della sfida, per quanto sia una cosa attesa ed interessante, tende ad essere per ovvie ragioni fin troppo ripetitiva. L’unico nemici è davvero mastodontico non per dimensioni ma per complessità e variegato modo di combattere, una sfida intensa che potrà essere alleviata solo dall’aiuto di altri compagni, in caso contrario potrebbe impegnarvi a lungo.

Segnalo anche un villaggio, davvero ben concepito, decadente, diroccato e ricco di pericoli, unica vera perla esplorativa. Se Hidetaka Miyazaki ci aveva promesso 15-20 ore con questo DLC è molto probabile che lui abbia fatto un altro gioco, o forse questo è stato pesantemente tagliato, resta il fatto che con un’accurata esplorazione, che trovate in questi due video allegati, tornando indietro un paio di volte e facendo qualcosa di extra, ho fatto fatica a spingermi oltre le 3,5 ore, un po’ poco per il prezzo del biglietto.

CONSIDERAZIONI FINALI
In tantissimi tra voi non riusciranno a resistere a nuovi scenari per Dark Souls (vi capisco), eppure ci sono davvero pochissimi motivi che dovrebbero spingervi all’acquisto di questo DLC. 15 Euro per l’acquisto singolo dell’avventura sono davvero eccessivi, ma anche 25 per questo e quello dopo non sembrano essere più convenienti. 3,5 ore per completare il tutto è davvero una quantità di tempo esigua, con poche idee nuove, pochissimi mostri inediti, qualche oggetto extra ma nel complesso è davvero solo un bocconcino in più al un piatto ricchissimo dell’originale.

27 Ottobre 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000