il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione


Salt and Sanctuary - PC Steam

Salt and Sanctuary - PC Steam
Simone Marcocchi

Simone Marcocchi

Biografia Atterrato su questo mondo, con in mano un joystick collegato ad un Commodore 64, Simone Marcocchi prova a leggere la vita attraverso la passione per i videogiochi, il cinema e le tecnologie. Attualmente si occupa di marketing IT e web, ha collaborato con la testata Eurogamer.it, si è occupato di tecnologia per la rivista V+ e collabora con Multiplayer.it LinkedIn: /simonemarcocchimedia Twitter: @SimoneMarcocchi

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Se siete appassionati di souls-like, come il sottoscritto, vi siete sicuramente imbattuti in Salt and Sanctuary, qualche mese fa, ora arriva su PC.

Quella che è stata un’esclusiva temporale su PS4, per un tempo molto limitato, ora è disponibile a tutto il popolo dei possessori PC. Grazie a Steam potrete trovare l’originale titolo che ricorda da vicino i capolavori From Software -anche se in 2D e con grafica minimalista- che ha raccolto un buon successo di vendite e critica, per essere un indie dal budget molto limitato.

Rispetto alla versione console, inoltre, gode di una dimensione ancora più ridotta, si passa infatti da poco più di 3 GB a 500 MB, contemplando nel frattempo una richiesta in termini di requisiti che permette a chiunque abbia un qualsiasi computer di poter godere dell’esperienza al massimo del suo potenziale.

Molto comodo con la tastiera, offre comunque il massimo feeling con un pad generico, appena sotto potrete vedere un filmato di gameplay in cui affronto una zona di gioco e il primo boss.

Per tutti coloro che volessero leggere la recensione originale della versione PlayStation 4, di cui questo titolo è una trasposizione assolutamente fedele, con nessuna differenza da segnalare, potrete cliccare direttamente qui.

Questa versione ha subito la stessa traduzione originale, anche se una delle patch successive ha tentato di riparare qualche difetto, da considerare comunque che è possibile cambiare la lingua in "inglese", così da evitare arresti cardiaci.

29 Maggio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000