il network

Martedì 30 Maggio 2017

Altre notizie da questa sezione


Grand Theft Auto V - GTA 5 - versione PC

Grand Theft Auto V - GTA 5 - versione PC
Simone Marcocchi

Simone Marcocchi

Biografia Atterrato su questo mondo, con in mano un joystick collegato ad un Commodore 64, Simone Marcocchi prova a leggere la vita attraverso la passione per i videogiochi, il cinema e le tecnologie. Attualmente si occupa di marketing IT e web, ha collaborato con la testata Eurogamer.it, si è occupato di tecnologia per la rivista V+ e collabora con Multiplayer.it LinkedIn: /simonemarcocchimedia Twitter: @SimoneMarcocchi

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Torna per la terza volta il titolo Rockstar, ogni volta con un aggiornamento importante e qualche miglioria in più, per un titolo che fiorisce ogni volta che lo vediamo in una nuova veste.

 

L’ultima versione del titolo Rockstar, come dicevo, aggiunge tutto ciò che è stato inserito nelle versioni precedenti. Sicuramente fondamentale è il gioco online, che offre la possibilità di animare moltissime sfide, tra cui i “colpi” è sicuramente quella meglio riuscita di tutti (considerando la complessità per portare a termine gli incarichi e l’abilità/tenacia/esperienza che risulta essere quasi fondamentale). Naturalmente questi ultimi sono in arrivo, a causa di un massiccio aggiornamento che anche sulle altre piattaforme è stato necessario a fronte di una migliore fruizione del servizio. Se su next gen poter giocare anche in prima persona era un orpello graditissimo, ma se vogliamo non fondamentale, considerando che i personaggi sono nettamente più agili in terza, su PC diventa quasi un must, soprattutto nelle fasi delle sparatorie, ma anche per chi volesse scorrazzare con la propria vettura, magari guardandosi intorno con il semplice movimento del mouse. Per quanto riguarda le prestazioni vere e proprie, possiamo dire, senza ombra di dubbio alcuno, che arrivare ai 4K di risoluzione è una vera gioia per gli occhi e volendo si può arrivare ad avere la combo con i 60 frame al secondo. Certo avere tutto questo, insieme, non è davvero per tutti, considerando che avrete bisogno di almeno una Geforce Titan per poter godere di questa meraviglia, una scheda grafica che da sola costa come un PC di ottima fascia… pure con una buona scheda video, tanto per dire.


Nel test che ho avuto modo di fare, su ben due configurazioni, entrambi con processori i7, sia con la Geforce Gtx 660ti che con la 970, il risultato è stato ben oltre le mie aspettative. Nonostante Rockstar ci abbia fatto attendere ben oltre la data prevista, con una serie di posticipi, il risultato si è dimostrato veramente di gran qualità, con un’ottimizzazione non facile, considerando anche la mole di dati per una produzione di questo livello. Con ben 60 GB di spazio necessario all’installazione si può dire che con la 660 (per altro configurazione consigliata) ci può permettere di avere un buon frame rate, nettamente superiore a quello console e in Full HD, a costo però di una scelta di dettagli che non possono essere abissali, soprattutto per quanto riguarda la profondità di campo, ma che comunque permette di stragodersi questo capolavoro al suo meglio, per tutta la durata. Qualora abbiate la fortuna di possedere una 970 allora sappiate che, sul fronte Full HD e non oltre, potreste permettervi di avere tra le mani una versione definitiva del titolo, anche se naturalmente per i più esigenti (in termini di risoluzione) è necessario un cambio di macchina per un costo quasi raddoppiato rispetto ad una configurazione medio-alta attuale.


Se volete un consiglio personale correte immediatamente a fare un giro in barca, il colpo d’occhio è notevole e la simulazione dell’acqua guadagna notevolmente, soprattutto se avete provato la versione old gen e non quella della next; altra escursione necessaria è quella nella prateria o in montagna, dove l’incremento dell’erba e un maggiore dettaglio delle texture fa diventare quasi banale la realtà. Si respirano atmosfere realmente immersive. Vorrete perdere tempo a bordo degli aerei solo per gustarvi il panorama mozzafiato, immaginando che quei luoghi non finiscano mai. Se poi diventate maniaci delle side-quest allora avrete pane per i vostri denti, senza contare che, una volta effettuato un salvataggio, ed immesso i trucchi giusti, potreste iniziare a devastare il mondo virtuale solo per vedere l’effetto che fa. Se poi considerate che la sola storia è un vero capolavoro “tarantiniano” di follia pulp, dialoghi sopra le righe e personaggi che si incederanno a fuoco nella vostra mente (almeno per quanto riguarda Trevor… nel bene e nel male), allora è proprio questo il gioco che fa per voi.


Qualora vogliate leggere la recensione della versione base del gioco, riferita alla versione PS3, la potrete trovare qui.


CONCLUSIONI FINALI

E’ scontato dire che se avete un PC, magari non avete giocato a questo titolo su console, è naturalmente questa la versione migliore sulla quale mettere le mani. Nonostante si possa premiare un’ottimizzazione curatissima da parte di Rockstar, non è sicuramente un gioco che possa trovare casa su tutte le configurazioni dei computer esistenti, a meno che non vogliate trovarvi un frame rate proibitivo. Il gioco è davvero potente, divertente e ricchissimo di cose da fare, tanto che potreste passare un intero anno in sua compagnia, al termine del quale potreste ancora avere qualcosa da scoprire… devo aggiungere altro?

20 Aprile 2015