il network

Martedì 30 Maggio 2017

Altre notizie da questa sezione


Resident Evil Revelations 2 - Complete Season (4 episodi) - testato su Xbox One

Resident Evil Revelations 2 - Complete Season (4 episodi) - testato su Xbox One
Simone Marcocchi

Simone Marcocchi

Biografia Atterrato su questo mondo, con in mano un joystick collegato ad un Commodore 64, Simone Marcocchi prova a leggere la vita attraverso la passione per i videogiochi, il cinema e le tecnologie. Attualmente si occupa di marketing IT e web, ha collaborato con la testata Eurogamer.it, si è occupato di tecnologia per la rivista V+ e collabora con Multiplayer.it LinkedIn: /simonemarcocchimedia Twitter: @SimoneMarcocchi

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Resident Evil Revelations 2 ritorna nel formato “serie TV”, in modo episodico, ricco di contenuti, di nemici e di cose da fare... ad un prezzo budget.


 

 

Resident Evil Revelations, iniziale esclusiva per Nintendo 3DS, aveva avuto il compito di accontentare quella fetta di pubblico che rivoleva a tutti i costi le atmosfere dei primi titoli della serie. Il seguito riprende l’idea di una trama suddivisa come se fossero tante puntate (8 per la precisione), con tanto di riassunto a inizio di ogni capitolo. La doppia coppia questa volta vede protagonisti Claire Redfield e Moira Burton e Barry Burton (comparso già nel primo R.E.) con la giovanissima Natalia. Non rovinerò alcun dettaglio sulla trama, in generale, ma resta il fatto che il tutto viene costruito per avere un costante crescendo di interesse e di tensione sui dettagli dei protagonisti e la loro implicazione nell’ambiente ostile in cui sono stati inseriti forzatamente (con un espediente molto simile a quello del film Saw). I filmati iniziali e finali, oltre alle conversazioni che faranno durante il lungo tragitto che li porterà all’epilogo, aggiungeranno elementi sempre più importanti per comprendere l’intricato filo psicologico dei protagonisti, supportati da un ottimo doppiaggio.



Il primo episodio, forse il più breve dei quattro, ha la funzione di mettervi davanti alle varie meccaniche di gioco e tipologia di enigmi, come ambientarvi e sfruttare i vari elementi ed espedienti (come l’apertura delle casse, il sistema di potenziamento delle armi e le varie abilità). Il secondo e il terzo invece premono davvero l’acceleratore su tutto, lasciandovi spesso spiazzati sia per la trama che per le quest. Queste ultime infatti in alcuni casi avranno risvolti incrociati tra una e l’altra coppia o la risoluzione di una quest vi permetterà di potenziare ed incrementare il vostro arsenale. Si morirà abbastanza, soprattutto se vorrete raggiungere determinati obiettivi o oggetti che necessiteranno di morire più volte per capire come poter essere raggiunti.



Gli enigmi prendono spunto da quasi tutta la saga, ci saranno situazioni a tempo, puzzle ambientali, chiavi da cercare, binari in cui controllare i vostri eroi saltando da uno all’altro con grande attenzione. Geniale infatti che Barry e Claire siano ben corazzati con le armi, ma con Moira e Natalia dovrete analizzare l’ambiente, rendendo il tutto più complesso e ansioso, ma decisamente più divertente. Scordatevi una sola casa o un solo villaggio o una sola location… qui si cambia davvero tantissimo e ogni ambiente andrà studiato a fondo, seppure non ci sarà biosgno di elucubrazioni astrali per arrivare alla soluzione degli enigmi.

Si spara molto, questo è vero, ma se non vi sarete potenziati attraverso l’albero delle abilità, troverete che alla fine le munizioni non saranno così tante come credete e si dovrà riuscire a fare una certa economia di tutto. Salvo il finale apertissimo, come tutte le ultime produzioni di qualsiasi titolo si parla, e una nota che trovate in calce, segnalo che anche in questo caso ritorna l’amatissima modalità raid. Prendere parte a zone invase di non-morti, di diversi livelli, vomitando piombo a più non posso è davvero liberante e ben costruito, al fine di incrementare di moltissime ore la durata complessiva del titolo.

----------

SPOILER ALERT

In realtà non farò spoiler diretti, ma è giusto sapere, per chi avesse acquistato o volesse acquistare i soli quattro episodi basici, che terminata l’avventura per Barry e Claire, non avrete concluso l’intera esperienza. Questo almeno se non considerate anche Moira e Natalia meno protagoniste di come invece io le ho sentite. A loro saranno dedicati due episodi extra e devo ammettere che la parte finale, dei personaggi principali, è stata forse la cosa più banale del gioco, mentre sembra decisamente più interessante conoscere la conclusione delle vicende delle altre due. Sinceramente io avrei compreso di più un approfondimento su alcuni fatti centrali, mentre questo mi sembra un taglio troppo netto, ma tant’è.

I due episodi extra saranno giocabili singolarmente dal menu principale, e non come siamo abituati dalla selezione del capitolo. Ciascuno infatti avrà una vita a sé e perfino il gameplay subirà una virata in un’altra direzione, per il piacere del nostro palato. Nel caso di Moira infatti, molto riluttante a tenere in mano un’arma qualsiasi, dovrà fare i conti con la propria pancia e per questo cambiare idea sulla sua scelta pacifista. Del secondo personaggio non vi parlo, o creerebbe qualche paradosso con la storia, non essendo vitale ma comunque legato alle due trame. Ciò che è più interessante è il fine di questa variante, che vuole appunto farci abituare ai sei mesi che ci separano dall’arrivo di Barry, con una quotidianità fatta di piccole cose, considerando comunque la presenza di creature fameliche che tenteranno spesso e volentieri di farci fuori. Anche nel caso di Natalia, che avrà un capitolo dedicato, si vedrà in compagnia di qualcuno di fondamentale, che scoprirete appunto dopo il termine del gioco e con essa (la figura, non rivelo il sesso) dovrete muovervi in una fase di puro stealth. Di fatto queste due modalità sono l’esaltazione di ciò che già si poteva fare nel gioco principale, ma elevandolo a potenza e cambiando parte delle regole, per restituirvi un’esperienza più complessa e ancora più coesa con la trama principale. Al termine di tutto… sì, potrete dire che la trama ha un senso e che pure la fine, questa volta, si sia dimostrata all’altezza.

----------

Chiunque dovesse scegliere di acquistare la versione pacchettizzata, disponibile dal 20 di marzo, troverà i seguenti contenuti:

- Tutti e Quattro gli episodi principali
- Due episodi spin-off aggiuntivi focalizzati sulle storie di ognuno dei nuovi personaggi introdotti nella saga: Moira Burton e Natalia Korda*
- Un nuovo personaggio per la modalità RAID : Hunk*

inoltre:

- Un nuovo personaggio per la modalità RAID : Albert Wesker *
- Quattro costumi alternativi per ogni personaggio principale (Claire, Moira, Barry e Natalia*)
- Il “RAID mode Throwback Stage Pack” che includerà quattro stage per la modalità RAID ispirati alle ambientazioni dei recenti episodi della serie Resident Evil

 

CONCLUSIONI

C’è tantissimo da fare in questa nuova avventura di Resident Evil. In un gioco solo riesce a richiamare alla memoria tutta la saga (tipologia di enigmi, quest primarie e secondarie, armi, varietà di nemici). Non riesce mai a a fare davvero paura, ma l’humus è ben costruito per tutta la sua durata e volete dannatamente saperne di più. Ottimo livello di difficoltà, che punta a farvi rigiocare i vari capitoli, per migliorare le vostre statistiche, ma anche a spingervi a fare la modalità raid inclusa (davvero ben costruita). Fa un po’ riflettere la scelta di marketing sul finale, ma resta forse il miglior episodio della serie (dopo lo 0 e Veronica), quindi direi che non abbiate scelta e lo dobbiate pigliare al volo, mi spiace.


 


 

18 Marzo 2015