il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione


Organizzare un concerto. Quando non si battono le avversità

Organizzare un concerto. Quando non si battono le avversità
Fabio Guerreschi

Fabio Guerreschi

Biografia

Fabio Guerreschi è laureto in sociologia all’Università di Trento ed è un giornalista del quotidiano ‘La Provincia’ di Cremona. E’ appassionato di metal, rock, blues e… dintorni, di fantascienza e di letteratura americana. Mail: fabio.guerreschi26@gmail.com Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100008920786679 Instagram: https://instagram.com/fabioguerreschi/

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Come promesso nel post precedente, vi racconto la storia di un fallimento.

E’ la storia di un concerto che si poteva fare, ma non è stato fatto. Subito un chiarimento: non è successo niente di drammatico rispetto ai problemi che assillano il pianeta Terra. E’ una vicenda che come direbbero i protagonisti della serie tv Person Of Interest: «Il governo giudica irrilevante». Però è significativa per come funzionano certi meccanismi.

I protagonisti sono: il Gruppo A (tre amici) e il Gruppo B (un’associazione rodata e molto organizzata, abituata a organizzare manifestazioni in grande stile).

La molla che fa nascere tutto è la farse di un membro del Gruppo A che dice: «In questa zona non si organizza mai niente del genere musicale che piace a me (metal, ndr). Mi piacerebbe fare qualcosa». Coinvolge le altre due persone e parte il progetto. Si inizia a sentire la disponibilità di alcune band e a pensare come raccogliere un po’ di fondi. Poi per avere qualche dritta in più (ditte e persone disponibili per la ristorazione e per l’allestimento di qualche bancarella) un membro del Gruppo A contatta il capo del Gruppo B che ascolta attentamente la proposta e alla fine rilancia: «Stiamo organizzando la nostra annuale manifestazione. Abbiamo già tutto noi. Perché la vostra serata non la fate all’interno della nostra manifestazione? Sarete del tutto indipendente: voi pagate le band e le spese e noi vi diamo l’appoggio logistico con un luogo già attrezzato per la ristorazione e per le bancarelle. Vi prego però di contattare i responsabili della manifestazione e accordarvi con loro. Parlerò anch’io con loro e appoggerò la vostra idea» e così dicendo fornisce i numeri di telefono dei responsabili.

Il Gruppo A si ritrova, valuta la situazione e decide di accettare l’offerta: per chi parte da zero, rientrare in un ambito già organizzato può essere una buona opportunità.. Però il Gruppo A ci tiene a incontrare i responsabili del manifestazione per parlare dell’idea e vedere concretamente cosa si può fare. Il Gruppo A è pronto a tutto, anche a proporre un’idea e vedersela rifiutare. Ci sta non è la fine del mondo, basta parlarne e ascoltare le diverse valutazioni.

Siamo in aprile (2014).

Un membro del Gruppo A contatta un responsabile della manifestazione che dice: «Sì, sì, bene anche perché non abbiamo ancora pensato a nulla per la manifestazione (che si svolge a fine agosto, ndr). Secondo me non ci sono problemi, incontriamoci e parliamone». Un altro membro del Gruppo A contatta un altro responsabile del Gruppo B e la risposta è la stessa.

Ma ci sono le elezioni a maggio e il Gruppo B è interessato all’esito del voto. Il Gruppo A forte della promesse ricevute e consapevole che forse è meglio non ‘disturbare’ il Gruppo B in periodo elettorale rimane in attesa. Passano le elezioni, quindi maggio, passa giugno, ma non arriva nessun segnale dal Gruppo B.

Proprio a fine giugno un membro del Gruppo A (che nel frattempo prosegue con il suo progetto) telefona a un responsabile del Gruppo B per sapere quando ci si può trovare per discutere del progetto. Ma dall’altra parte del telefono la voce risponde: «Ma noi abbiamo già organizzato tutto, le sere sono ormai tutte occupate». Il membro del Gruppo A replica: «Accidenti, ma non si fa così, potevamo almeno incontrarci, potevate dirci di ‘no’, così ci saremmo mossi in un altro modo, potevate…, potevate…, potevate…». Ma non è successo.

Organizzazioni troppo potenti e troppo istituzionalizzate forse non hanno tempo per i ‘piccoli’ e per valutare nuove idee che arrivano dall’esterno. Si lavora come alla catena di montaggio, si lavora sull’autoreferenzialità, si lavora per una ‘rendita di posizione’.

30 Settembre 2014

Commenti all'articolo

  • michele

    2014/10/03 - 16:04

    Dannatamente vero!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000