il network

Giovedì 19 Luglio 2018

Altre notizie da questa sezione


DA GRIGIOROSSO

La Cremonese non si è snaturata

La Cremonese non si è snaturata

Calendario dei post

La linea della continuità paga. Snaturare eccessivamente il progetto tecnico di Tesser era un rischio che non si doveva correre e la Cremonese sul mercato ha fatto le cose per bene. Non è una questione di numeri ma di ruoli e caratteristiche dei giocatori. Nel senso che per adattare la squadra alla serie B erano necessari inserimenti di livello più alto rispetto alla Lega Pro ed è normale che oggi tanti dei protagonisti della scorsa stagione siano partiti; chi è arrivato però si è inserito con successo nel piano di gioco della squadra.

Ritrovare in poco tempo, cosa non facile, quell'equilibrio tattico che ha permesso lo scorso aprile di scatenare la cavalcata vincente era il primo obiettivo da raggiungere e la strada è quella giusta. Se tutto gira alla perfezione questa Cremonese può davvero togliersi delle soddisfazioni in serie B.

A Parma è mancato qualcosa sul piano del dinamismo e dell'interpretazione. Almeno per il primo tempo. Nella ripresa si è alzato il baricentro e la squadra ha cercato di creare occasioni. Contro l'Avellino, la corretta interpretazione sia sul piano fisico che mentale del match ha portato invece buoni frutti. Tanto che nemmeno l'errore sul pareggio concesso troppo repentinamente ha scalfito la capacità della squadra grigiorossa di farsi pericolosa. Diciamo la verità: la Cremonese ha segnato tre gol ma ha creato una grande mole di occasioni. Ha saputo colpire per linee verticali senza affidarsi al lancio lungo e ha mandato a segno due centrocampisti. Abbiamo ritrovato quella Cremonese che colpisce da più parti, che in attacco non si affida mai a un uomo solo.

05 Settembre 2017