il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione


DA GRIGIOROSSO

Cremonese senza il 3

Cremonese senza il 3
Ivan Ghigi

Ivan Ghigi

Biografia

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Non esiste numero perfetto per la Cremonese, perché la Cremonese non conosce il 3. La conferma, amara, è arrivata sabato sera a Gorgonzola: anche nelle gare che contano meno, quelle che i grigiorossi sembravano destinati a vincere perché più liberi da pressioni, manca la terza vittoria consecutiva. Un campionato senza filotto (di successi) destinato a trascinarsi stancamente fino all'8 maggio. Anche l'ultimo guizzo, l'ultimo motivo di dare un senso alle rimanenti gare è caduto. Per una squadra partita in cerca dei playoff è l'ennesima conferma che resta sempre qualcosa di sbagliato. Ci consoliamo con i numeri: se Rossitto conquistasse gli ultimi 9 punti in palio chiuderebbe con 30 punti in 15 gare, una media da playoff. Basterà per un pronto rinnovo? Quando il direttore generale Giammarioli ha parlato di schiera di allenatori grigiorossi poco preparati a vincere in Lega Pro ha lanciato un segnale abbastanza chiaro, ma nemmeno i numeri di possono ignorare.

Insomma, va a finire che la Cremonese più prosegue tra i suoi alti e bassi, più alimenta interrogativi, dubbi e scetticismo. Ingredienti che non fanno certo bene in un ambiente che ha bisogno di programmare serenamente e incoraggiare tutti.

Va detto che Rossitto quanto meno ha cambiato marcia alla squadra, le occasioni da rete, efficaci o meno, adesso si vedono ma a volte non basta per evitare il peggio. E' una Cremonese che incassa provandoci, non aspettando. Un'idea di squadra che deve perfezionare alcuni meccanismi ma che allo stesso tempo invoca adeguati inserimenti. Il vero cruccio quest'anno è stato il centrocampo. Un anno fa con Montorfano si è rischiato troppo con una difesa mezza rotta ed inesperta, Quest'anno il danno è cominciato in mezzo al campo e a gennaio l'unico vero jolly è stato l'acquisto di Pesce. Un centrocampo organico, di passo e di lotta non c'è mai stato veramente e in alcune occasioni questa lacuna è stata pagata.

Conti alla mano si potrà anche perdere sfide dirette contro Pordenone, Feralpisalò e Padova, ma gridano vendetta le trasferte perse a Busto Arsizio (unico successo della retrocessa Pro Patria), Gorgonzola (la Giana non vinceva in casa da sette mesi) e Lumezzane (al 95' con un solo tiro in porta incassato). Quali ko hanno pesato di più?

18 Aprile 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000