il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero


DA GRIGIOROSSO

Cremonese, per rientrare in gioco punta agli scontri diretti

Esultanza Cremonese
Ivan Ghigi

Ivan Ghigi

Biografia

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

CREMONA — La Cremonese si ritrova con le spalle coperte e quindi può pensare serenamente e seriamente all’offensiva, all’assalto ai playoff per dare un senso alla stagione. L'unica via perseguibile è quella dei prossimi due scontri diretti con feralpisalò e Pordenone, attualmente secondi in classifica. In centottanta minuti la Cremonese ha cambiato rotta, adesso ha davanti altri centottanta minuti per innescare il nuovo campionato.

L'arrivo di Fabio Rossitto ha prima di tutto posato le basi per lanciarsi. Le due entusiasmanti vittorie ci fanno toccare con mano la possibilità di arrivare in alto, ma bisogna avere pazienza e ragionare con ordine. Il primo impatto della cura Rossitto è la sicurezza: due settimane fa (dopo Pavia) la Cremonese era a 6 punti dai playout. Una situazione che faceva paura, più che altro per come la squadra faticava a raccogliere punti. Oggi il vantaggio è di 11 punti e in più si è creato un distacco di 5 punti tra il decimo posto della Cremonese (31 punti) e l'undicesimo dalla Giana (26). Una frattura tra la parte alta e quella bassa della classifica. Con la Cremonese al gran ballo delle nobili.
In chiave playoff invece è meno vistoso l'apporto che gli ultimi sei punti hanno portato alla classifica. Da 7 punti, il distacco dal quarto posto si è ridotto a 5, fermo restando che dal 4° al 10° posto orbitano sette squadre.
La Cremonese deve dunque provarci adesso se vuole riaprire seriamente il discorso playoff e andare all'assalto di Feralpisalò e Pordenone che chiudono un ciclo impegnativo prima che il calendario riservi gare più abbordabili. 
E' l'atteggiamento nuovo della Cremonese ad accendere questa speranza e a rendere concreta la possibilità di rosicchiare punti pesanti per rientrare in gioco. Oggi si può ancora trasformare la stagione in una scalata ambiziosa e lo ha ribadito lo stesso Fabio Rossitto dicendo che le due vittorie hanno restituito alla Cremonese il tempo necessario per poter aspirare a qualcosa di più di un campionato dignitoso. Domenica 14 e sabato 20 sono le due date decisive da non fallire, l'occasioni che la Cremonese ha per strappare il pass valido per gli spareggi.

08 Febbraio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000