il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione


DA GRIGIOROSSO

Cremonese, piove sul bagnato

Con due piedi nei playout

Cremonese, piove sul bagnato

L'allenatore Mario Montorfano

Ivan Ghigi

Ivan Ghigi

Biografia

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Il Mantova ha restituito il favore alla Cremonese. Tu hai vinto allo stadio Martelli? Eccoti servita la zona playout. Alla squadra di Juric è 'bastato' vincere con il Pordenone (perché tutti vincono contro il Pordenone) per lasciare la Cremonese al quintultimo posto. Il Renate non c'entra: avendo vinto (anche lui!) lo scontro diretto allo Zini può benissimo restare a pari punti con i grigiorossi che avrebbe comunque la posizione migliore. Insomma la pioggia di Como ha fermato la Cremonese ma non la sua classifica che continua a precipitare. Un passo alla volta si è arrivati nella zona rossa.

I punti persi per strada adesso cominciano a farsi sentire e le dirette concorrenti, perché così dobbiamo chiamare le squadre in lotta per la salvezza, cominciano ad approfittarne. Vero, la Cremonese ha una gara in meno, ma deve recuperare contro il Como e davanti a sé ha ancora Pavia e Arezzo per chiudere un mese di novembre non proprio leggero. Al pensiero di queste sfide, il conforto delle belle prestazioni è limitato, perché solo il risultato può salvare la Cremonese dal precipizio. Che adesso è lì, pronto a spalancarsi sotto i suoi piedi.

Serviva la scossa prima? Adesso serve un elettroshock, un effetto speciale che faccia rinascere la Cremonese sul campo e che la proietti in una zona tranquilla della salvezza. La lotta per i primi posti sembra ormai destinata ad una cerchia ristretta di squadre; sul fondo della classifica sembrano già delineate le pretendenti alla lotta salvezza, ma il posto della Cremonese messo in preventivo era nel limbo, magari più verso il paradiso che l'inferno.

17 Novembre 2014

Commenti all'articolo

  • simone

    2014/11/22 - 16:04

    Qualcuno negli editoriali delle prime giornate sosteneva che la Cremonese aveva un buon attacco e non aveva bisogno di attaccanti di peso. Inoltre sosteneva che la difesa prendeva goal solo al primo tiro in porta e che la sfortuna spesso ci vedeva molto bene. Il sottoscritto sparava a zero sulla difesa , sulla squadra in toto e su chi la riteneva una formazione da vertice . In effetti a guardare la classifica dal basso in alto la Cremonese è al 4 posto ...avevo sbagliato io !!

    Rispondi

    • 2014/11/26 - 11:11

      Non posso rispondere io per cose scritte da altri. Rileggendo i post precedenti non ho mai parlato di sfortuna, ma sempre di progetto e di maturazione lenta della squadra. Quanto alle lacune nella rosa, ho spesso ricordato che la società ha voluto rischiare non completando il mercato con un difensore centrale e un esterno offensivo, ma di quest'ultimo forse se ne può anche fare a meno. Purtroppo un eccessivo numero di infortuni ha reso ancora più drastica la situazione in difesa e dunque un rinforzo, fosse anche sul piano prettamente numerico, adesso occorre. Quanto all'attacco resto convinto che sia solo una questione di disposizione degli uomini più che di qualità degli stessi. Concludo sperando che a fine stagione la ragione sia soprattutto dalla parte della Cremonese.

      Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000