il network

Martedì 21 Febbraio 2017

Altre notizie da questa sezione


Tech&Young

Scuole chiuse per neve, decisioni troppo tardive

Scuole aperte o chiuse? L’ordinanza arriva in ritardo, quando molti sono già a scuola o nelle vicinanze

Scuole chiuse per neve, decisioni troppo tardive

La nevicata del 6 febbraio

enrico galletti

enrico galletti

Biografia

Biografia

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Neve, neve e ancora neve. Che si trattasse di un’emergenza lo si poteva intuire già nella serata di giovedì, viste le condizioni della città e le previsioni meteo delle ore successive, eppure tutti sono rimasti nel dubbio. Nelle prime ore del mattino di venerdì, perché, ricordiamolo, noi ‘paesani’ non ci svegliamo trenta minuti prima dell’inizio delle lezioni, tutto taceva. Nessuna traccia di ordinanza o di comunicati da parte degli uffici competenti. Il primo avviso di chiusura è arrivato verso le ore 8:45, con qualche post su Facebook e con il comunicato della Prefettura pubblicato sul sito del Comune di Cremona.

     
Ho la sensazione però, che il provvedimento di oggi sia arrivato un tantino in ritardo. Penso a quegli studenti che, estranei ai provvedimenti che sarebbero arrivati di lì a qualche minuto, si sono recati a scuola, tra strade ghiacciate e avverse condizioni meteo. Per non parlare di chi, avendo compiti in classe importanti oggi - come mi ha spiegato una ragazza che vive a 25km da Cremona - si è precipitato in stazione ferroviaria, arrivando a scuola regolarmente (seppur con qualche comprensibile minuto di ritardo) per essere accolto dall’ordinanza di chiusura, che ha reso nulli tutti i suoi sforzi. 
Per fortuna, questa mattina - davanti all’assenza di disposizioni chiare - ha giocato la prudenza di ognuno di noi. Sta di fatto però che tali comunicazioni, soprattutto in casi come questi, andrebbero emesse con un po’ di anticipo, per scrupolo, per precauzione, ma soprattutto per buon senso. 
     

08 Febbraio 2015

Commenti all'articolo

  • Simona

    2015/02/07 - 07:07

    È del tutto incomprensibile, nell'era di Internet ormai a portata di mano di tutti, che non sia stato possibile reperire un'informazione sulla chiusura delle scuole in tempo utile: non un cenno sul sito della Prefettura, del Comune o dell'Istituto interessato! I ragazzi però non si svegliano alle 9 per andare a scuola!....e neppure i genitori!

    Rispondi

    • Enrico

      2015/02/08 - 12:12

      Esattamente. Spesso, oltretutto, non si considera che molti studenti vengono da fuori città. Dispiace ammetterlo, ma questa volta le cose non sono funzionate al meglio. L'avviso di chiusura andava dato nella serata di giovedì - quando già le precipitazioni erano abbondanti - o, alla peggio, verso le 6:30/7 di venerdì mattina.Speriamo che il tutto serva a non ricadere negli stessi errori in futuro.

      Rispondi

  • Alberto

    2015/02/06 - 14:02

    Ma è mai possibile che la prefettura inviti a chiudere le scuole la mattina dopo le 9 quando genitori e ragazzi hanno già fatto i salti mortali per arrivare a scuola??? Ma in che mondo vivono? Con il meteo che lo annunciava da 4 giorni. Vergogna

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000