il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero


Numeri imbarazzanti

Cremo ferma a un anno fa

Cremo ferma a un anno fa
Ivan Ghigi

Ivan Ghigi

Biografia

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

E’ automatico fare paragoni con il passato, specialmente quando le cose vanno male. Più che altro per capire se veramente si sta andando a fondo o se, per l’ultima goccia di ottimismo che ti scorre nelle vene, trovi qualche argomento per salvare il salvabile.

Purtroppo questa Cremonese è ridotta nelle stesse condizioni di un anno fa. Con la differenza che dalla squadra di Scienza ci si aspettava il balzo in avanti dopo una serie di pareggi infiniti (7 al 14 dicembre 2012) e sicuramente non ci si aspettava da quella di Torrente un crollo così drastico, per non dire disarmante.

L’anno scorso la squadra grigiorossa ha trascorso una stagione intera a barcamenarsi tra settimo, ottavo e nono posto. A parte uno scivolone preoccupante fino al 12° gradino della classifica, prontamente recuperato, mai una volta Fietta e soci avevano messo piede nei playoff.

A parte che un anno fa si sono giocate due gare in più, la Cremonese di Scienza a metà dicembre (dopo 14 gare) era all’ottavo posto in classifica con 18 punti. Ad essere precisi 19, vista la penalizzazione di uno.

Oggi siamo sullo stesso livello, perché la squadra di Torrente ha 21 punti ma al netto del regalino del giudice sportivo (vittoria a tavolino contro l’Albinoleffe) saremmo ancora a 19.

La squadra di Scienza a due gare dal termine del girone di andata aveva conquistato 4 vittorie, 7 pareggi e incassato solo 3 sconfitte con 16 gol fatti e appena 8 subiti. Migliore difesa del girone con in campo metà dell’attuale pacchetto arretrato (Avogadri sarebbe arrivato a gennaio, Cangi sarebbe partito di lì a poco e si contavano Cremonesi, Sales e Tedeschi) con Minelli (ormai rotto), Visconti e Moi.

La Cremonese all’ottavo posto pagava un ritardo sulla capolista di 11 punti, gli stessi che oggi separano la Virtus Entella dalla squadra di Torrente che, a fronte di 6 vittorie, ha raccolto 3 pareggi e ben 5 sconfitte. Purtroppo, contro i 19 gol segnati (poco più di quelli firmati da Le Noci, Carlini e Marotta) si segnalano i 17 incassati, più del doppio dell’anno scorso. Senza contare gli infortuni, sono evidenti sostanziali differenze tra la rosa attuale e quella dell’anno scorso. Ma solo sulla carta a quanto pare.

Se non fosse per il regolamento speciale di questa stagione, la Cremonese sarebbe già fuori dai playoff.

Ritrovare il gruppo francamente pare difficile. Il primo passo potrebbe essere quello di rivedere le proprie ambizioni a cominciare dal campo: ritrovare la prestazione prima ancora del risultato, ritrovare un gruppo che unisca buone individualità in un sistema più organico e organizzato.

18 Dicembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000