il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione


Star Wars Pinball: Balance of the force - recensione

Star Wars Pinball: Balance of the force - recensione

Star Wars Pinball: Balance of the force

Simone Marcocchi

Simone Marcocchi

Biografia Atterrato su questo mondo, con in mano un joystick collegato ad un Commodore 64, Simone Marcocchi prova a leggere la vita attraverso la passione per i videogiochi, il cinema e le tecnologie. Attualmente si occupa di marketing IT e web, ha collaborato con la testata Eurogamer.it, si è occupato di tecnologia per la rivista V+ e collabora con Multiplayer.it LinkedIn: /simonemarcocchimedia Twitter: @SimoneMarcocchi

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Zen Pinball ci propone la nuova trilogia di tavoli ispirata al mondo di Star Wars e dei suoi esotici campi di battaglia tra impero e ribelli, “affiliamo” le spade laser e scendiamo in guerra.


Questo nuovo set, disponibile dal 12 ottobre su tutte le piattaforme dove sono apparsi gli altri playground della serie, vi permetterà di calcare il terreno in veri e propri diorami digitali e palpitanti di Star Wars, facendovi rivivere molte scene dei film più amati, con tutta la professionalità di Zen Studios.


STARFIGHTER ASSAULT

Geniale poter scegliere inizialmente se essere un pilota dell’impero o dei ribelli e questo rifletterà il successivo modo di giocare e le relative missioni (oltre ad un cambio estetico, ad esempio dei cannoni). E’ particolarmente tecnico ed impegnativo, oltre ad avere i migliori respingenti mai realizzati che spareranno dai turbolaser al contatto con la sfera argentata.


DARTH VADER

Questo episodio affronta i vari momenti salienti di Darth Vader nella sua trilogia classica completa. Grazie all’enorme quantità di rampe diverte senza risultare mai troppo ostico. E’ un livello più rilassante e lo schema intricato dei passaggi da una zona all’altra ricorda molto Sorcerer’s Lair.


EPISODIO VI: il ritorno dello Jedi

Incastonato nel mondo di Endor, questo tavolo non mancherà di mostrarci sia il castello di Jabba che gli interni della nuova Morte Nera. A livello di difficoltà è un mix degli altri due, parzialmente tecnico (per nulla facile) e in parte composto da rampe ma che dovremo interpretare nel modo migliore per poter portare a casa le missioni, anche perchè sarà molto facile che la vostra biglia “scivoli” lateralmente.


CONCLUSIONI

Non è un’operazione commerciale, anzi la vostra fantasia si domanderà subito quali altre “zone” o personaggi vivranno davanti ai vostri occhi nelle future espansioni. Le musiche epiche sottolineano in modo perfetto le varie situazioni e la durata pressochè illimitata di ogni tavolo farà si che l’investimento sia ampiamente giustificato. E’ forse una delle trilogie videoludiche meglio ispirate ai personaggi creati da George Lucas, dopo quella originale dei primi tre film, persino migliore di quella precedente dei Zen Studios (anche se le combo di Clone Wars per me sono una specie di droga) e per questo vi consiglio caldamente l’acquisto.


Una domanda a fine articolo però me la pongo… quando arriverà Indiana Jones?


Twitter https://twitter.com/SimoneMarcocchi

LinkedIn http://www.linkedin.com/in/simonemarcocchimedia

Facebook https://www.facebook.com/igersvideogames

11 Dicembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000