il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione


Orcs must die 2: titolo indie da recuperare

Orcs must die 2: titolo indie da recuperare

Orcs must die 2

Simone Marcocchi

Simone Marcocchi

Biografia Atterrato su questo mondo, con in mano un joystick collegato ad un Commodore 64, Simone Marcocchi prova a leggere la vita attraverso la passione per i videogiochi, il cinema e le tecnologie. Attualmente si occupa di marketing IT e web, ha collaborato con la testata Eurogamer.it, si è occupato di tecnologia per la rivista V+ e collabora con Multiplayer.it LinkedIn: /simonemarcocchimedia Twitter: @SimoneMarcocchi

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Il fucile di Nonna Papera può sconfiggere gli orchetti malvagi?!


Orcs Must Die 2 è uno dei migliori tower defence che sia mai stato realizzato, con un bilanciamento e una sfida che ti porta a dire, “si, ancora una e poi smetto”, frase iconica che ogni giocatore pronuncia quando si sente visceralmente coinvolto in modo assoluto e completo, con la voglia di andare scoprire cosa si cela nel livello successivo.


Qual’è il suo scopo?

Nei livelli ancestrali, ambientati in anfratti di pietra, spelonche minerarie e dungeon piuttosto lineari, si apriranno uno o più varchi dai quali usciranno orde di orchetti (ma non solo) pronti a farvi a fettine o ad arrivare dalla parte opposta del livello... ma per farlo dovranno attraversare le vostre trappole, i vostri guardiani o la vostra furia omicida.


Tra action e RPG... con un pizzico di strategia

Non sono molti i tower defense che vi vedono impiegare in prima persona (anche se in realtà sarebbe più corretto dire in terza, ndr) le vostre armi per tentare di fermare l’orda crescente di nemici, ma il mix con le trappole da piazzare, ciascuna con un costo per essere posizionata e il cui denaro potrà essere raccolto per ogni uccisione, avrà la possibilità di migliorare ed evolversi proprio come un RPG (anche se molto basico) mentre la strategia da impiegare per poter sopravvivere non contemplerà solo lo studio delle mappe, ma anche la scelta dell’inventario iniziale e una gestione del denaro adeguata a riuscire a sopravvivere fino alla fine (possibilmente non lasciando spazio ad alcun nemico di attraversare il varco dimensionale)


Quote rosa: azione o magia?

Le novità, rispetto alla prima versione, che permetteva di completare il gioco e alla meglio massimizzare i proprio record personali, aveva fermato il mio orologio di gioco poco oltre le venti ore, completando ogni area con i cinque teschi disponibili e non invogliandomi ad andare troppo oltre. In questa versione invece il tutto è stato pensato per offrire decine e decine di ore di intrattenimento. La modalità endless ad esempio farà si che continuiate a vedere orde che avanzano fino al vostro... esaurimento o morte, io ho felicementre trascorso ore e ore con questo stratagemma e devo dire che l’idea stessa di poter sperimentare molte trappole nuove o il tentativo di massimizzare il mio punteggio mi ha davvero rapito per moltissimo tempo. Se avete un amico è il momento giusto per metterlo sul campo di battaglia con voi e poter essere in due a lottare sul campo in cooperativa. Il personaggio maschile, simpaticissimo, sarà più orientato alle armi, mentre la controparte femminile, più debole ma il suo sopporto alla magia sarà più che utile a contrastare il male.

20 Settembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000