il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione


HearthStone: Heroes of Warcraft - Anteprima della closed beta

HearthStone: Heroes of Warcraft - Anteprima della closed beta

HearthStone

Simone Marcocchi

Simone Marcocchi

Biografia Atterrato su questo mondo, con in mano un joystick collegato ad un Commodore 64, Simone Marcocchi prova a leggere la vita attraverso la passione per i videogiochi, il cinema e le tecnologie. Attualmente si occupa di marketing IT e web, ha collaborato con la testata Eurogamer.it, si è occupato di tecnologia per la rivista V+ e collabora con Multiplayer.it LinkedIn: /simonemarcocchimedia Twitter: @SimoneMarcocchi

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Dopo aver conquistato lo scettro di re degli MMORPG, la corona di Hack’n Slash e sicuramente l’alloro per gli strategici, Blizzard scende in campo con i giochi di carte e difficilmente si accontenterà del secondo posto.

 

I PERSONAGGI CHE AMIAMO!

L’idea geniale alla base di questo gioco è quella di attingere a piene mani ai personaggi dell’universo di Warcraft, il che significa una rosa di controparti molto variegata, nomi ed oggetti che già esistono e soprattutto un pubblico di milioni di giocatori che sicuramente riconosceranno nei loro beniamini.

 

Anche la plancia di gioco ricalcherà da vicino i territori che già abbiamo calpestato nei vari titoli della serie, tutte le zone sono esteticamente molto belle da vedere oltre a restituire un nuovo livello di immersione da parte del giocatore come mai prima d’ora. Qualsiasi cosa si muova a schermo ha una sua funzione ben specifica e non avrete mai caos davanti agli occhi, separando in modo ottimale il campo di battaglia dalla mano del giocatore alle magie. Il tutto è naturalmente già ottimizzato per essere comodamente fruibile anche su tablet, versione che seguirà di poco l’uscita di questo titolo in versione PC/Mac.

 

NON CHIAMATELO MAGIC!

Se, come me, amate molto i giochi di carte, saprete che esistono svariate alternative, che tentano un approccio molto simile a quello di Magic: The Gathering, come ad esempio Shadow Era, ma limando molte delle regole base del gioco di Wizard of the cost che lo rendono molto lungo e sicuramente più lento. Da questo punto di vista infatti si deve riconoscere che HearthStone sia velocissimo sia nella fase di apprendimento delle regole (per le quali affronterete un simpaticissimo tutorial) sia nel gioco stesso, salvo che dobbiate prendere il vostro tempo per prendere le decisioni.

Il titolo infatti si distingue fin da subito per le sezioni di apprendimento e di allenamento dall’Arena, ovvero il cuore stesso del titolo e, a quanto sembra, il focus per il quale è stato creato: combattimento 1vs1 contro avversari umani. Il gioco è infatti un free-to-play in cui potrete fin da subito entrare in contatto con le vostre carte, affrontare avversari e guadagnare in esperienza (e carte) anche nel caso in cui perdiate. La possibilità di costruire i vostri mazzi, assemblarli e studiare le strategie migliori, vi farà trascorrere molto tempo, anche perché conquistare nuove buste di carte potrebbe farvi stravolgere alcune delle vostre scelte, a tutto vantaggio del divertimento... e senza spendere un solo euro.

 

 

DUBBI E RICHIESTE

Manca ancora del tempo, prima dell’uscita del titolo in versione definitiva, ma è certo che Blizzard investirà molto nell’evoluzione di questo gioco. Come loro stessi affermano si basa su specifiche online, ma non sarebbe male poter pensare di gestire i propri acquisti in quest o duelli offline, che vada oltre l’allenamento basico o avanzato che sia, visto e considerato che sono tantissimi i giocatori che amano i titoli offline e un gioco di carte di questo tipo apre davvero scenari interessanti.

Un dubbio permane, ovvero della possibilità offerta da chi dovesse spendere molto denaro per acquistare le proprie carte e in che modo interagirà con chi ha investito molto meno, nella fase beta si deve riconoscere che esiste un sistema di riconoscimento del proprio livello per trovare match adeguati. Sarà la nuova droga made in Blizzard? Per me si… ed ogni sera qualche partita non me la leva nessuno, ma saprà tenere alto il livello di interesse? Lo scopriremo presto, molto presto!

Volete iscrivervi alla beta? Non dovrete fare altro che cliccare qui e buon divertimento!

10 Settembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000