il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero


DA GRIGIOROSSO

La via della semplicità

Cremo di carattere, punti sudati

La via della semplicità

Marco Briganti

Ivan Ghigi

Ivan Ghigi

Biografia

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Pronti, partenza, via: ai blocchi la Cremonese ha già le gambe sciolte, non ha lo scatto bruciante di Bolt; è lì nel gruppo, pronta a passare davanti.

Il bello è che nessuno in questo momento pretende che la squadra di Pea faccia passi da gigante, perché la politica dei piccoli passi ha fatto breccia e piace.

Si sono ribaltati nettamente i presupposti: per otto anni abbiamo invocato una squadra di alto livello, in grado di fare gioco, segnare e vincere. Nel 2007 sognavamo con Zauli, Colucci e Temelin, poi abbiamo accarezzato il sogno con Viali e Zanchetta; col passare del tempo abbiamo apprezzato elementi come Guidetti, Musetti, Coda, Le Noci o Fietta. Col tempo la società si è sempre orientata verso elementi di categoria e oggi ci affidiamo a Brighenti, Briganti, Zullo e Rosso. Gente di categoria per una squadra di categoria, semplice quanto funzionale: non c'è spazio per prime donne, ma solo per ragazzi che lavorano uno per l'altro. C'è un leader riconosciuto in campo perché indossa una fascia di capitano che si è guadagnato sul campo.

Il gioco applicato da Pea poi è quello che fino all'altro giorno abbiamo sempre mal sopportato. Quante volte abbiamo criticato la Cremonese perché non sfondava la barriera avversaria? Adesso la barriera è grigiorossa e la cosa funziona, piace. Al momento non è possibile dire fin dove si arriverà di questo passo, ma piace il rispetto che questa squadra suscita, perché è un gruppo solido, senza amnesie, senza troppi fronzoli.

Abbiamo sempre visto una Cremonese che provava ad attaccare ma pagava il minimo errore: oggi il margine di errore è ridotto quasi a zero perché manca la ricerca di quel gioco. Palla lunga e via. Per gli occhi, diciamo la verità, non è il massimo dello stile. Contro squadre forti è una tattica che funziona, ma ci saranno gare in cui sarò necessario vincere, uscire, farsi vedere. Non tutte le avversarie arriveranno allo Zini per attaccare.

24 Settembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000