il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione


DA GRIGIOROSSO

Mosaico completato; Cremo da quale parte stai?

Simoni con Finazzi

Gigi Simoni e Lucas Finazzi

Ivan Ghigi

Ivan Ghigi

Biografia

tutti i post dell'autore

Calendario dei post

Classifica divisa in due, con i grigiorossi che guidano il gruppone-salvezza

Lucas Finazzi a centrocampo, Marco Briganti in difesa e Riccardo Pasi per la fascia. La Cremonese ha completato il mercato (si sono aggiunti da tempo Paolo Castellini e Paolo Quaini) e adesso deve solo pensare a giocare. Marco Giampaolo ha seguito con pazienza i movimenti di mercato, ma adesso ha un gruppo numericamente a posto, infortuni a parte, per costruire il futuro. Ci vorranno almeno un paio di settimane prima che i nuovi arrivi possano integrarsi col metodo di lavoro e di gioco e del tecnico, il tempo necessario perché il campionato della Cremonese arrivi al sodo e ci dica da quale parte vuole stare la squadra grigiorossa.

Le premesse sono buone. La Cremonese è tra le migliori per rendimento calcolato sulle ultime cinque gare: tre vittorie, un pareggio e una sconfitta, 10 punti che fanno della squadra di Giampaolo la formazione che ha raccolto più punti di tutti, insieme al Sudtirol e alla Feralpisalò. Il 2015 si è aperto con un pareggio (Giana) e una vittoria (Albinoleffe) e i grigiorossi adesso si trovano a guidare la parte bassa della classifica. La graduatoria infatti si è spezzata in due parti: sopra nove squadre che in pochi punti si contendono le prime quattro posizioni, sotto tutte quelle che scappano dalla zona a rischio.

Abbiamo sgranato con pazienza il rosario degli scontri diretti: alla fine le gioie più belle sono arrivate dalle gare in cui forse ci si aspettavano più complicazioni, vedi Como o Arezzo. Gettando al vento la vittoria in Sardegna, la Cremonese non è riuscita per poco a raccogliere in sei gare lo stesso numero di punti che aveva messo assieme nelle 12 precedenti. Pazienza. Con il 2015 si volta pagina perché da domenica sono finiti gli scontri sulla carta "abbordabili" (semmai ce ne fossero). Allo Zini arriva un Mantova che non è più quello del girone di andata e successivamente si aprirà il ciclo contro le nobili del girone, a cominciare dal Novara. La Cremonese dovrà decidere da che parte stare: o mantenersi al comando del gruppone-salvezza, oppure cercare di varcare la soglia ed entrare nella lista di squadre che navigano in acque tranquille. Si tratta di un salto non facile (Cremonese decima con 27 punti, Como non con 32) ma che potrebbe rappresentare nel suo piccolo la vera fase di maturazione della squadra. La strada è lunga, il tempo non manca e il cammino comincia senza l'acqua alla gola. Forza Cremo.

15 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • simone

    2015/02/06 - 01:01

    Beh il commento è di 3 settimane fa e da allora ne sono derivate una sconfitta e due pareggi ( 2 punti in 3 partite ) ovvero uno scarso bottino se si tiene conto che 2 delle tre partite sono state giocate in casa. Cosa dire? poco a mio avviso , squadra incostante nei risultati , dal gioco stile Barcellona dei poveri o della bassa ( il classico tiki taka con tanto possesso palla e poco altro che vuol dire assenza di pericolosità sotto porta ) sempre priva a mio avviso di una spina dorsale che la possa far decollare a squadra di rango. Portieri mediocri ( e senza un portiere di spessore certe partite vedi Renate si buttano al vento ) un centrale ( Briganti ) buono, un centrocampista che gioca a domeniche alternate ed un attacco deboluccio sia in prestanza fisica che in giocatori decisivi quando servono ( il Corazza o il Bruno di turno per capirci a Cremona nun ce sta ). Pertanto scordiamoci il cambio di rotta , la squadra anche quest'anno faticherà per non essere tra le ultime 6/7 .

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000