il network

Venerdì 20 Ottobre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Dal 4 al 14 ottobre - Chiesa di San Mercuriale - Forlì/Cesena

"Gulag" - Mostra fotografica a cura di Tomasz Kizny

"Gulag" - Mostra fotografica a cura di Tomasz Kizny

dal 04/10/2017

al 14/10/2017

genere fotografia

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/arte/cultura/178561/gulag-mostra-fotografica-a-cura-di-tomasz-kizny.html 20/10/2017 10:45:47 20/10/2017 10:45:47 40 "Gulag" - Mostra fotografica a cura di Tomasz Kizny Piazza XX Settembre, 47121 Forlì FC, Italia false DD/MM/YYYY

Un documento eccezionale sulla storia dell’ex Unione Sovietica e sul suo sistema concentrazionario. Un’opera, frutto di diciassette anni di ricerche, che raccoglie 550 fotografie (la maggior parte delle quali inedite), dati e analisi basate su documenti di prima mano. La mostra forlivese, che inaugura il 4 ottobre alle 10 (a ingresso gratuito), è stata organizzata dalla Fondazione Lewin nell’ambito del 900Fest che quest’anno alla sua IV edizione affronta il tema “Libertà e uguaglianza. La Rivoluzione russa e il Novecento” (dal 4 al 7 ottobre).

**Bisogna mettere a confronto nazismo e comunismo per stabilire in modo storicamente indiscutibile l’identità e le differenze tra i due sistemi sociali totalitari. C’è, infatti, identità e alterità tra gli arcipelaghi dei Lager nazisti e i Gulag stalinisti** (Jorge Semprum)

Tomask Kiznsy,

fotografo e giornalista polacco, dopo l’entrata in vigore della legge marziale nel 1981, è stato uno dei fondatori di “Dementi”, associazione clandestina di fotografia indipendente. Dal 1986 ha raccolto le testimonianze dei vecchi prigionieri di guerra polacchi tornati in patria dopo la morte di Stalin. Dopo la caduta del regime sovietico ha viaggiato su tutto il territorio dell’ex Unione Sovietica alla ricerca di ricordi e tracce di quello che costituiva un mondo a parte, quella terra sperduta nel mezzo dell’immensità sovietica: il Gulag.

Dopo il 1929, quando Stalin divenne leader indiscusso all’interno del partito comunista bolscevico, si sviluppò in Unione Sovietica un complesso sistema concentrazionario creato al fine di reclutare, attraverso campagne di terrore, manodopera forzata da impiegare nelle regioni più remote dell’Unione Sovietica ricche di materie prime. Tra gli inizi degli anni Trenta e il 1953, anno della morte di Stalin, furono creati sul territorio sovietico circa 500 lager ciascuno dei quali poteva accogliere da poche decine sino a centinaia di migliaia di persone. Il numero complessivo di internati fra il 1929 e il 1953 è di circa 18 milioni. Nei Gulag i detenuti lavoravano in condizioni disumane, a temperature che scendevano anche fino a 50 gradi sottozero, erano malvestiti, denutriti e oggetto di violenze.

Dal 1986 ha raccolto le testimonianze dei vecchi prigionieri di guerra polacchi tornati in patria dopo la morte di Stalin. Dopo la caduta del regime sovietico ha viaggiato su tutto il territorio dell’ex Unione Sovietica alla ricerca di ricordi e tracce di quello che costituiva un mondo a parte, quella terra sperduta nel mezzo dell’immensità sovietica: il Gulag. Vive e lavora a Parigi.

Per info: info@alfredlewin.org - 0543.36698