il network

Domenica 18 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. DAL 21 SETTEMBRE 2018 AL 24 FEBBRAIO 2019

'Il regime dell'arte'

La mostra ripercorre la vicenda storica del Premio Cremona dal 1939 al 1941

'Il regime dell'arte'

dal 21/09/2018

al 24/02/2019

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/arte/cultura-e-spettacoli/207124/il-regime-dell-arte.html 18/11/2018 00:33:29 18/11/2018 00:33:29 40 'Il regime dell'arte' false DD/MM/YYYY

CREMONA - Interni borghesi in cui tra i mobili antichi spiccano i ritratti del re e di Mussolini, immagini rurali, ragazzini alle colonie estive, un piccolo balilla intento a fare il saluto romano: sono alcune delle opere esposte al museo civico nell’ambito della mostra Il Regime dell’Arte. L’allestimento - che rimane aperto dal 21 settembre 2018 al 24 febbraio 2019 - è stato curato da Vittorio Sgarbi e Rodolfo Bona al Museo Civico Ala Ponzone (in via Ugolani Dati 4 a Cremona).

IL PROGETTO
La mostra, mai allestita prima, ripercorre la vicenda storica del Premio Cremona. Una ricostruzione del concorso pittorico voluto da Roberto Farinacci nel 1939 con l’intento di sostenere l’idea dell’arte come celebrazione dei valori e delle imprese del fascismo, a sostegno delle esigenze di propaganda ideologica del regime. Si affronteranno le ragioni della politica artistica di Farinacci e gli esiti figurativi della rassegna, attraverso una selezione delle opere presentate durante le tre edizioni, dal 1939 al 1941, utile a comprendere la trasformazione del linguaggio figurativo fra tradizione naturalistica, eredità delle avanguardie e metamorfosi del Novecento. Saranno quindi radunate le opere dei numerosi autori che vi parteciparono tra cui Mario Biazzi, Giuseppe Moroni, Biagio Mercadante, Gian Giacomo Dal Forno, Remigio Schmitzer, Pietro Gaudenzi, Donato Frisia, Luciano Ricchetti, Evaristo Zambelli, Mario Beltrami.

L’ALLESTIMENTO
I principali dipinti che parteciparono allo storico Premio Cremona, circa quaranta opere provenienti da musei, palazzi istituzionali e collezioni private, vengono radunati per la prima volta ed esposti presso la sede del Museo Civico Ala Ponzone. L’allestimento avviene in parte su pannellatura certificata costruita appositamente, e in parte sfruttando lo spazio delle pareti perimetrali della stanza, specialmente per le opere di grandissime dimensioni (oltre 3 metri di base). Il percorso espositivo si articola principalmente in tre sezioni che rispettano l’ordine cronologico e le tematiche delle tre manifestazioni: “Ascoltazione alla radio di un discorso del Duce”; “La Battaglia del Grano” e “La Gioventù Italiana del Littorio”. Faranno da supporto alcuni pannelli di approfondimento con i relativi testi critici a cura di Sgarbi e Bona, e la visita nelle diverse sale sarà accompagnata con delle installazioni interattive che interesseranno 3 radio d’epoca le quali prenderanno vita al passaggio della persona e riprodurranno suoni, rumori, testimonianze suggestive per ripercorrere i luoghi emotivi dell’Italia e dell’arte tra le due guerre.

CONFERENZE
Sono stati organizzati anche diversi incontri sulla mostra e sul periodo storico interessato. Si svolgono nella Sala Puerari del Museo Civico, alle 17, con il seguente programma:
11 OTTOBRE 2018: Giordano Bruno Guerri: Giuseppe Bottai e l'arte 'degenerata '
25 OTTOBRE 2018: Rodolfo Bona: Ragioni, limiti e difficoltà di una mostra
8 NOVEMBRE 2018: Anna Maccabelli: Vittori, gli animali e il lavoro
22 NOVEMBRE 2018: Tiziana Cordani: Testimoni del tempo: dipinti del Premio Cremona nelle Collezioni degli Enti Cremonesi
6 DICEMBRE 2018: Donatella Migliore: La formazione degli artisti cremonesi
20 DICEMBRE 2018: Annamaria Melati: Il Premio Cremona. Dal consenso alla rimozione
17 GENNAIO 2019: Sara Fontana: Gli affreschi di Bragadini a Palazzo Raimondi
31 GENNAIO 2019: Nicola Arrigoni: Cremona fascistissima. La politica del consenso nel ventennio
7 FEBBRAIO 2019: Enrico Maria Ferrari: Il Palazzo dell'Arte: topografia di un progetto urbano
21 FEBBRAIO 2019: Fabrizio Loffi: Farinacci e la politica culturale a Cremona
28 FEBBRAIO 2019: Vanessa Bori: Tradizione o modernità? Il problema critico dell'arte fascista attraverso il sistema espositivo.
8 MARZO 2019: Massimo Terzi: Urbanistica e architettura a Cremona negli anni del regime
21 MARZO 2019: Pietro Bonometti: L’arte a Cremona tra le due guerre

INFORMAZIONI
Per ulteriori informazioni 0372 407770. Gli orari della mostra sono dal martedì alla domenica dalle 10 alle 17. Chiuso il lunedì. La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso). Per info su aperture e chiusure straordinarie consultare il sito: www.musei.comune.cremona.it. I prezzi di ingresso alla mostra (l’ingresso alla mostra dà diritto a visitare anche la Pinacoteca e la collezione 'Le stanze per la Musica') sono: intero 10 euro, ridotto 3 e 8 euro. Inoltre la prima domenica del mese 3 euro per tutti. Le visite guidate prevedono un supplemento di 3 euro; sabato e domenica visita guidata alle 15 e la prima domenica del mese alle 11,30 e alle 15.