il network

Domenica 23 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Fino al 7 gennaio 2018 - Torrefazione Vittoria - Cremona

Con Venere in Scorpione. Un progetto fotografico di Ellis Palmer

Con Venere in Scorpione. Un progetto fotografico di Ellis Palmer

al 07/01/2018

genere fotografia

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/arte/arte/184448/con-venere-in-scorpione-un-progetto-fotografico-di-ellis-palmer.html 23/09/2018 20:06:09 23/09/2018 20:06:09 40 Con Venere in Scorpione. Un progetto fotografico di Ellis Palmer Via Ferrabò, 4, 26100 Cremona CR, Italia false DD/MM/YYYY

Intensità” è la parola chiave di chi possiede Venere nel tenebroso e passionale segno dello Scorpione.
Il connubio Venere-Plutone, governatore del segno, si traduce in un’espressione affettiva piuttosto complessa. La simbologia plutoniana dell'occulto e del mistero poco si addice alla ridente natura di Venere, tormentandola con pulsioni viscerali profonde e dilemmi inconciliabili; rendendola capace di intensi struggimenti e grande coinvolgimento passionale.

Ma, soprattutto, non ammette la possibilità di amare dove non sia presente una certa dose di sofferenza.

Tratto tipico di chi nasce sotto questa combinazione celeste è l’attrazione per ciò che si nasconde e colloca al di là delle cose, ovvero l’altrove percepito da un intuito quasi ultraterreno; ed a questo intuito non sfuggono emozioni e vibrazioni che risuonano intorno.

A Venere in Scorpione si ricollega questo progetto: un diario personale di taglio quasi cinematografico in cui la realtà quotidiana è già a priori contaminata da una sorta di presentimento ramificato di un qualcosa che stia per accadere. Ed immanente e di un’intensità talvolta minacciosa è altrettanto percepibile un senso di turbamento che va oltre ciò che è stato ritratto.
Una non ben specificata trama di legami unisce le immagini nell’unità occulta, “profonda e tenebrosa”, di inconscio e reale. Le visioni verso cui Elisa manifesta innata tensione sono non convenzionali ed a volte grottesche, intrise di ciò che per definizione noi non chiamiamo "bello" ma piuttosto vero ed inconscio.

Orari: dal Lunedì al giovedì dalle 7.30 alle 15 e dalle 18 alle 21.30. Il venerdì dalle 7.30 alle 15 e dalle 18 alle 22.
Il sabato dalle 8 alle 13.

L’esibizione è curata da Walter Borghisani, hanno collaborato  Elena Dagani, Corinna Fusco e Giovanni Pietrogrande.

Ellis Palmer (Elisa Palmari) è nata negli anni ’70 a Parma, città che abbandona nel ’95 per tornarvi stabilmente nel 2007, dopo aver vissuto a Milano, Londra, Roma.
Inizia ad interessarsi alla fotografia intorno ai 12 anni quando, incuriosita, traffica con la macchina fotografica del papà. La sua prima immagine è una panchina vuota scattata da un auto in corsa.
Frequenta il corso per principianti al City & Islington College di Londra negli anni ’90, per poi proseguire allo IED di Roma negli anni seguenti. Ad oggi collabora fotograficamente in ambito teatrale e musicale ed è sempre molto attenta alle novità del mondo fotografico, con grande curiosità verso i talenti emergenti.
I suoi punti di riferimento sono molti, troppi…per citarne qualcuno: A. Petersen, M. Ackermann, D. Arbus. A. Resnik (e tanti tanti altri).
Scatta ovunque ma non in modo regolare, oscillando tra periodi di grande esaltazione e completo blackout.
Ha sempre con sé una macchina fotografica da borsetta e un rullino b/n